In pensione con 57 anni: quale strada possibile

Quale strada per accedere al pensionamento con 38 anni di contributi e 57 anni anni di età? Vediamolo nel caso del nostro lettore.

Le misure per accedere al pensionamento anticipato richiedono requisiti anagrafici e contributivi ma in alcuni casi basta soddisfare i requisiti anagrafici indipendentemente dall’età. Vediamo quali sono le misure che non richiedono un età anagrafica precisa e permettono il pensionamento solo in base alla contribuzione versata.

Pensione a 57 anni

Un nostro lettore ci scrive:

Salve complimenti per quello che offrite purtroppo coi caf oggi è diventato tutto un avventura.detto questo volevo chiederVi se la me spettava la pensione anticipata:
Sono nato nel 1963 ho iniziato a 15 anni oggi sono disoccupato da Agosto 2016 ho percepito la naspi fino luglio 2018 ad oggi ho 38 anni e 4 mesi di contributi .
Volevo sapere se posso andare in pensione il caf dice di no.
sarei grato se mi risponderete di questa email grazie.

Con 57 anni di età e 38 anni e 4 mesi di contributi, purtroppo, non ci sono misure che permettono il pensionamento con la normativa attuale. I 38 anni, infatti, bastano per accedere alla quota 100 (in scadenza dal 31 dicembre 2021) ma servono anche almeno 62 anni di età.

Vista la sua giovane età e il fatto che ha iniziato a lavorare molto presto il modo più veloce per pensionarsi è quello di utilizzare le misure che non richiedono un requisito anagrafico, ma solo quello contributivo.

Essendo un precoce, se ha versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età, potrebbe accedere al pensionamento con la quota 41 che richiede, oltre all’appartenenza alla categoria dei precoci anche 41 anni di contributi e l’appartenenza ad uno dei profili tutelati. Lei vi rientrerebbe in quanto disoccupato che ha finito  di fruire dal almeno 3 mesi dell’indennità di disoccupazione (a patto che dal licenziamento  non abbia svolto altri lavori con contratto a tempo determinato).

Le mancherebbero, per accedere a questo tipo di pensionamento 2 anni e 8 mesi di contributi. Se si fa autorizzare al versamento dei contributi volontari potrebbe perfezionare il requisito contributivo con i contributi volontari in circa 2 anni e mezzo potendo accedere, prima del compimento dei 60 anni alla pensione con la quota 41. Prima di iniziare a versare i contributi volontari, però, le consiglio di rivolgersi ad un patronato per farsi dare conferma di essere in possesso degli altri requisiti di accesso alla quota 41.

Se preferisce, invece, non versare i contributi volontari l’unica strada per pensionarsi è quella di attendere il compimento dei 67 anni con la pensione di vecchiaia.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.