In pensione con 58 o 63 anni e 20 anni di contributi è possibile. Ecco i requisiti richiesti

Pensione anticipata all’età di 58 o 63 anni con un requisito contributivo di 20 anni, è possibile. Ecco i requisiti richiesti.

Esiste una misura pensionistica (RITA) poco conosciuta che permette di accedere alla pensione con un anticipo di cinque anni dall’età pensionabile (attuali 67 anni), oppure con dieci anni di anticipo se si è disoccupati di lunga durata (24 mesi). Scopriamo di cosa si tratta e i requisiti richiesti rispondendo anche alla domanda di un lettore.

Pensione anticipata con 20 anni di contributi

Salve,  avendo più di 20 anni di contributi da dipendente e da lavoro autonomo posso comunque richiedere la RITA? I fondi pensione richiesti come requisiti quali sono? Di che compagnia devono essere? Grazie

Requisiti

La R.I.T.A. permette di accedere al pensionamento con un requisito contributivo di 20 anni (sono validi tutti i contributi accreditati: obbligatori, volontari, da riscatto, figurativi). Questa misura si configura con un requisito vincolante, bisogna aver maturato almeno cinque anni in un fondo pensione. Analizziamo in breve i requisiti:

  • cessazione attività lavorativa;
  • raggiungimento dell’età pensionabile per la pensione obbligatoria (67 anni) entro i  cinque anni successivi alla cessazione dell’attività lavorativa;
  • requisito contributivo minimo di 20 anni;
  • almeno cinque anni di contributi versati in un fondo pensione complementare.

In alternativa, la RITA è riconosciuta ai lavoratori disoccupati di lunga durata con i seguenti requisiti:

  • cessazione del lavoro e intervallo dall’accesso alla pensione di vecchiaia che non sia maggiore di 5 anni, con circa 62 anni e un requisito contributivo di 20 anni nei regimi obbligatori alla data di presentazione della domanda alla RITA;
    lavoratori inoccupati da più di 24 mesi e intervallo dall’accesso dalla pensione di vecchiaia che non sia maggiore di 10 anni, quindi con 57 anni;
  • per accedere alla Rita in entrambi i casi occorrono 5 anni d’iscrizione ad un fondo pensionistico.

Per approfondimenti, consigliamo di leggere la circolare Covip che regola la misura pensionistica:  Circolare Covip n. 888 del 8 febbraio 2018

Cosa sono i fondi pensione?

Sempre più italiane aderiscono ai fondi previdenziali per una pensione complementare, Ci sono sul mercato del risparmio molti fondi previdenziali in cui è possibile versare anche il trattamento di fine rapporto (Ddl concorrenza). Questo permette di maturare nel tempo i requisiti per la RITA. Con ingresso di questa misura, tutti i fondi previdenziali si sono dovuti adeguare. Di solito conviene affiliarsi al fondo di categoria, ad esempio nella scuola vige il fondo Espero.

La domanda della Rita dovrà essere inoltrata tramite il fondo di corrispondenza.

Leggi anche: Anticipare il pensionamento di 5 anni convenienza al fondo pensione


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”