In pensione con 64 anni di contributi: quali sono le possibilità

Quali sono le possibilità di pensionamento a 64 anni? Vediamo le alternative per una nostra lettrice insegnante.

Potersi pensionare a 64 anni è possibile con diverse misure tenendo conto, però, che bisogna rispettare i requisiti richiesti per l’accesso oltre a quello dell’età anagrafica. Infatti, ogni misura previdenziale prevede prevede sia requisiti anagrafici che contributivi ed in alcuni casi soltanto requisiti contributi. Indaghiamo quali possibilità di pensionamento ci sono con 64 anni di età.

Pensione a 64 anni

Per chi ha 64 anni le possibilità di pensionamento possono essere molteplici. 

La prima misura che permette il pensionamento è la quota 100 che richiede un minimo di 62 anni unitamente, però, ad almeno 38 anni di contributi. La misura permette l’accesso fino al 31 dicembre 2021.

Altra misura che fino al 31 dicembre 2020 permette l’accesso al pensionamento con 64 anni è l’Ape sociale che richiede almeno 63 anni di età unitamente a 30 anni di contributi per disabili, disoccupati e caregiver e 36 anni di contributi per usuranti e gravosi.

Indipendentemente dall’età è possibile, poi, accedere al pensionamento con 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini.

Altra misura che permette il pensionamento a 64 anni è l’anticipata contributiva che richiede almeno 20 anni di contributi. Questa misura, però, può essere sfruttata soltanto da chi ha iniziato a versare i propri contributi dopo il 31 dicembre 1995 e da chi, in alternativa, può optare per il computo nella gestione separata.

E’ possibile il pensionamento a 64 anni anche per le donne che abbiano almeno 35 anni di contributi maturati entro il 31 dicembre 2018 (con la proroga 2020 anche entro il 31 dicembre 2019) grazie all’opzione donna che richiede almeno 58 anni per le dipendenti e 59 anni per le autonome.

Una nostra lettrice ci chiede:

Buonasera. Sono un’assistente,amministrativa di una scuola statale.. Sono nata il 20 settembre del 1956. Vorrei  informazioni  circa la possibilità di pensionamento a 64 anni di età ed almeno 30 anni di contributi. Sono entrata in  ruolo nel settembre del 1997 con poco più di 5 anni di pre-ruolo più un precedente servizio di circa 6 mesi alla fiat. Vorrei sapere se è possibile per me pensare ad una simile tipologia di pensionamento e a quanto potrebbe ammontare il mio assegno pensionistico. Grata per l’attenzione porgo cordiali saluti.

Quelle che ho illustrato sopra sono le uniche opzioni che permettono il pensionamento a 64 anni Nel suo caso, alla luce di quanto scrive dovrebbe avere a settembre 2019 circa 37 anni e mezzo di contributi, potendo arrivare a 38 anni e mezzo di contributi a dicembre 2020. Potrebbe, quindi, presentare domanda di cessazione dal servizio entro il 30 dicembre 2019 per accedere al pensionamento dal 1 settembre 2020 con la quota 100. Questa unica alternativa se si esclude l’opzione donna, a mio avviso troppo penalizzante. Può, in ogni caso, farsi assistere da un patronato per vedere se i contributi in suo possesso corrispondono  a quelli da me ipotizzati.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.