Indennità di accompagnamento soggetta a revisione, conviene fare ricorso?

Indennità di accompagnamento soggetta a revisione, conviene fare ricorso o attendere la scadenza? Alcuni chiarimenti e consigli utili.

L’indennità di accompagnamento soggetta a revisione, viene riconosciuta alle persone con una invalidità riconosciuta con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3 e che necessitano di una assistenza continua e che non sono in grado di compiere atti quotidiani della vita e hanno bisogno di un accompagnatore continuo.  A  certificare lo stato invalidante tale da percepire l’indennità di accompagnamento è  una commissione medico legale. La disabilità è al centro delle tutele del SSN, analizziamo la domanda di una nostra lettrice che ha ricevuto l’indennità ma solo per un anno.

Per approfondire l’argomento e le patologie che danno diritto all’indennità consigliamo di leggere: Indennità di accompagnamento: le malattie più invalidanti

Indennità di accompagnamento soggetta a revisione: riconosciuta solo per un anno

A mio marito,  già invalido civile al 70% per patologia cardiaca (scompenso cardiaco e portatore di pmk), è  stato  riconosciuto l’aggravamento fino al 100%,  richiesto dal medico curante, a seguito di frattura del femore con relativo intervento protesico e successivo intervento al cranio per rimozione ematoma subdurale. Insieme all’aggravamento la commissione Inps ha deciso anche l’indennità di accompagnamento. Il tutto però per un solo anno. Mio marito ha 82 anni e la situazione è  la seguente:

1. Ogni 5 mesi ha periodici  controlli cardiologici per lo scompenso e per il funzionamento del pacemaker, 

2. La zoppia da cui è affetto, a seguito della frattura al femore e nonostante protesi e fisioterapia,  non sembra migliorare a sei mesi dall’intervento,  

3. l’ematoma al cranio, nonostante l’intervento che l’ha parzialmente rimosso, è  sotto costante controllo con Tac ogni tre mesi per il pericolo che si espanda e vada a comprimere il cervello pregiudicando alcune funzioni,

4. In realtà gli ematomi sono due, rispettivamente all’altezza delle due tempie, ma per ora si è  intervenuto solo nella parte destra perché presentava la situazione più  critica, con riserva di intervenire anche a sinistra nel caso si aggravasse.

Credo che, anche considerando l’età avanzata, mi sembra  difficile che mio marito migliori con una situazione così  complicata. Dico questo perché l’accompagno scade a marzo dell’anno prossimo, che è la data fissata dall’Inps per la revisione.  

Chiedo quindi se bisogna aspettare la revisione oppure è  utile contestare la decisione della commissione che ha riconosciuto per ora solo un anno di invalidità al 100% e la relativa indennità di accompagnamento. 

Inoltre, come procede l’Inps? Vale a dire a marzo dell’anno prossimo chiamano loro o bisogna fare nuova istanza per chiedere una nuova visita?

Grazie e cordiali saluti.

Loredana

Cara Loredana,

le consiglio di attendere la revisione del verbale, l’Inps invierà una richiesta di visita medica da effettuare davanti alla commissione medica legale, lo stesso iter, solo semplificato. Le agevolazioni permangono fino a quando l’Inps non farà la revisione. Potrà richiedere anche la visita a domicilio nel caso in cui suo marito non è in grado di recarsi presso gli uffici Asl. 

Infondo, le hanno riconosciuto l’handicap grave e l’indennità di accompagnamento, anche se solo per un anno, poi sicuramente alla revisione le sarà concesso l’indennità  in modo definitivo,  vista anche la gravità e l’età di suo marito.

Si faccia consigliare anche dal patronato che le ha seguito la pratica.

Angelina Tortora


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”