Indici ISA, AIDC e UNGDCEC: “Chiediamo le dimissioni dei Garanti del contribuente”

In un comunicato congiunto si sottolinea come sia stato violato lo Statuto dei diritti del contribuente che i Garanti sono tenuti a far osservare, ma su cui non hanno vigilato in occasione dell’introduzione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa)

In un comunicato congiunto si sottolinea come sia stato violato lo Statuto dei diritti del contribuente che i Garanti sono tenuti a far osservare, ma su cui non hanno vigilato in occasione dell’introduzione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa).”Chiediamo formalmente le dimissioni dei Garanti del contribuente, dopo la violazione dello Statuto dei Diritti del contribuente che questi organi sono tenuti a far osservare, ma su cui non hanno vigilato in occasione dell’introduzione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa)”. Così l’Associazione Italiana Dottori Commercialisti (Aidc) e l’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (Ungdcec) si rivolgono al Governo nascente in un comunicato congiunto. 

“La rimozione dei Garanti è tanto più necessaria nel giorno in cui viene nominato il nuovo esecutivo”, osserva il Presidente Aidc, Andrea Ferrari. “Questo Governo è infatti chiamato ad assumere decisioni rilevanti per poter consentire il superamento della clausola di salvaguardia e, di conseguenza, evitare l’incremento dell’Iva – spiega ancora Ferrari -. Tali misure non potranno che essere indirizzate al contenimento della spesa pubblica o all’incremento delle entrate tributaria”.

È d’accordo il Presidente dell’Unione Giovani Commercialisti (Ungdcec), Daniele Virgillito: “Qualunque sia il percorso che verrà intrapreso, non si dovrà prescindere dal vitale rispetto dei Diritti dei contribuenti e della categoria che li rappresenta nell’interlocuzione con lo Stato: i commercialisti”, sottolinea Virgillito. “Le gravi violazioni e la totale mancanza di rispetto mostrata verso questo Statuto da parte della dirigenza del Mef impone un gesto di distanza coraggioso”. È necessaria, per il leader Ungdcec, “una lezione di educazione civica e di civiltà giuridica che nella scelta di dimettersi racchiuderebbe in sé un recupero etico del senso dello Stato, delle istituzioni e della funzione esercitata”.

“Per il Governo, almeno per quanto riguarda quello uscente, e per il MEF – si legge nel comunicato congiunto – gli ISA si devono applicare regolarmente, pur nella loro constatata ed evidente imperfezione e nonostante la tardività dell’adozione degli strumenti attuativi. Infatti, a parere del MEF, la disapplicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale per il periodo d’imposta 2018 priverebbe l’Agenzia delle Entrate di un efficace strumento ai fini dell’analisi di rischio di evasione fiscale, utile a definire specifiche strategie di controllo. In forza di tanto si propende per la soppressione di un diritto formalmente riconosciuto ai cittadini in ragione delle esigenze di gettito dello Stato. 
Una sola può essere a questo punto l’azione che proponiamo ai Garanti di tutta l’Italia: rimettete all’unisono i vostri mandati nelle mani dei Presidenti delle Commissioni tributarie regionali, quale chiaro segnale di protesta e di sdegno, dando così valore ai principi posti a base della Vostra funzione e dimostrando, Voi sì, rispetto dei diritti dei Contribuenti”, conclude la nota.

UFFICIO STAMPA AIDC
Associazione Italiana Dottori Commercialisti
Sede operativa Via Fontana 1 – 20122 Milano
mail: comunicazione.aidc@gmail.com

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”