Infarto silenzioso: come capire se si è a rischio e come riconoscerlo

L’infarto silenzioso è un tipo di attacco di cuore che può difficilmente essere percepito: ecco di cosa si tratta e i sintomi a cui fare attenzione.

Alcune patologie, in particolare il diabete, colpiscono i nervi responsabili degli impulsi del dolore, alleviando di conseguenza i sintomi dell’infarto. L’infarto silenzioso è un tipo di attacco di cuore che può difficilmente essere percepito, un’elevata soglia di dolore, che fa in modo che la persona colpita non si accorga dei sintomi, vediamo come possiamo riconoscerlo e capire veramente chi è a rischio.

Ischemia cardiaca: di cosa si tratta

In alcune persone, l’ischemia cardiaca, ovvero la mancanza di flusso sanguigno al cuore, non provoca i tipici sintomi, ma invece provoca fiato corto, una certa debolezza che si presenta in modo passeggero, o altri tipi di problemi che non fanno certo pensare immediatamente ad un infarto, o riconducibili a qualsiasi problema che sia di cuore.

Ad altre persone invece si possono manifestare avendo sintomi tipo, bruciori di stomaco o ad un normale raffreddore. Considerati questi casi un pò anormali per attribuirli ad un problema cardiaco, invece si può considerare che un infarto su cinque, si può verificare in questo modo, e in questo caso lo possiamo definire, infarto silenzioso.

Infarto: esami da fare

In questo caso il vostro dottore dovrà consigliarvi di fare dei test da sforzo con cui si misurerà la soglia di esercizio che, nel vostro caso, produce l’ischemia. Se l’ischemia sopraggiunge durante il test da sforzo, anche chi ha avuto un infarto silenzioso può avvertire qualcosa, riuscendo così a capire cosa si prova.

Ciò può essere molto utile in caso si verificasse uno di questi attacchi in futuro, in quanto, con i consigli che vi ha dato il medico, potete intervenire sapendo quali sono le cose da fare per proteggervi.