Infezioni sessuali in aumento: quali sono e come difendersi

Infezioni sessuali in forte aumento, a rischio la fasce di età che va dai 15 anni fino ad arrivare a 49 anni: ecco a cosa fare attenzione.

Infezioni sessuali in forte aumento, i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sono allarmanti, si parla di un milione di casi al giorno.. Quello che preoccupa, a parte i numeri di casi nel Mondo, e leggere la fascia di età che oggettivamente ci fa molto riflettere, che parte dai giovanissimi quindicenni fino ad arrivare a chi di anni ne ha 49.

Quattro tipologie di infezioni sessuali

I dati diffusi riguardano in particolare quattro tipologie di infezioni: clamidia, sifilide, gonorrea e tricomoniasi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha messo in primo piano una prevalenza di casi di clamidia, non pendendo però in considerazione le stime relative ad HIV e papilloma virus.

Secondo gli esperti, i dati sono davvero allarmanti, e bisogna davvero fare qualcosa per arginare questo problema in continua crescita, e bisogna garantire a tutti l’accesso ai metodi preventivi e alle cure immediate in caso di insorgenza delle patologie infettive. Anche perché le infezioni sessuali, hanno un impatto non indifferente sulla propria salute e di chi può infettarsi, indipendentemente dall’età. Se non vengono trattate e debellate, anche in modo sollecito, possono portare a problemi seri come infertilità e disturbi cardiovascolari.

E’ inutile dire, che il primo modo per prevenire è focalizzarsi su pratiche sessuali sicure, che prevedono innanzitutto l’uso del preservativo. Di fondamentale importanza, è pure l’attenzione agli screening relativi a sifilidi e HIV, che devono riguardare le donne in gravidanza.

Basilare, è anche l’educazione sessuale, spesso è poco affrontata per motivi di pudore, ma non ci si riflette che non parlandone e non avendone conoscenza, possono seguire conseguenze serie, e proprio ai più giovani, bisognerebbe dare delle indicazioni corrette in merito alla prevenzione dell’HIV e delle possibili infezioni sessuali.

Educazione sessuale

L’educazione sessuale potrebbe risultare molto importante sia ai giovani, ma anche ai meno giovani. I segnali che il corpo lancia in caso di IST che vanno dal bruciore genitale, alle secrezioni maleodoranti o addirittura all’insorgenza di verruche nelle parte intime. In questi casi, se si riconosce il segnale, è di estrema importanza iniziare subito le cure e di trattare le infezioni sessualmente trasmesse in maniera tempestiva e con le giuste terapie farmacologiche.

Nella maggior parte dei casi, i presidi utili in merito sono facilmente accessibili anche se, recentemente, si è palesata una carenza globale di benzilpenicillina, un farmaco fondamentale per il trattamento della sifilide.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062