Infissi e caldaie, arrivano controlli rigidi dal Fisco e dall’Enea

Controllo Enea su infissi e caldaie per lavori in risparmio enegetico, massimo 30 giorni per presentare la documentazione, ecco cosa sarà richiesto.

Arrivano i controlli su infissi e caldaie, per i lavori eseguiti in risparmio energetico. Inserito nella legge di Bilancio 2018 il decreto che detta le modalità dei controlli sui lavori di risparmio energetico. I controlli saranno esegit dall’’Enea che entro il 30 giugno di ogni anno dovrà stilare un piano di verifiche degli interventi per i quali è stata presentata l’istanza di detrazione sul portale Enea e che si sono conclusi entro l’anno precedente.

I soggetti sottoposto al controllo, avranno 30 giorni per fornire la documentazione richiesta, le verifiche si potranno effettuare anche sul posto dove sono stati realizzati gli interventi di risparmio energetico. 

Con le modifiche in vigore dal 2018 la sostituzione degli infissi e delle caldaie tradizionali con quelle a condensazione ha visto ridurre la detrazione dal 65 al 50%.  Gli interventi così operati sono stati equiparati agli interventi di risparmio energetico non qualificati. I controlli in questi casi non vengono effettuati dall’Enea.

Leggi anche: Ecobonus 2018: la comunicazione Enea e l’asseverazione, le novità

Ecobonus 2018


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.