Influenza, col cambio di stagione boom di italiani a letto

L’autunno è appena cominciato e già fa strage di italiani a causa dell’influenza tipica di questo periodo stagionale. Ecco i dati.

Con l’arrivo dell’autunno è inevitabile che ci si ammali. Tipica di questa stagione è l’influenza che colpisce numerosi italiani costretti a restare a casa e curarsi. I componenti della stesso sono ormai conosciuti: raffreddore, mal di gola e febbre. E, udite udite, fino alla prossima settimana ce ne saranno almeno altri 140mila che si aggiungeranno agli odierni centomila. Inutile dire che se tanti italiani sono a letto per via dell’influenza è colpa degli sbalzi di temperatura. che sembrano non trovare un equilibrio, ma che ci mettono in difficoltà anche su come vestirsi, così da avere queste conseguenze. Se da un punto di vista del meteo si sta effettivamente bene, dato che non fa né troppo freddo e né troppo caldo, da un punto di vista salutare il risvolto è tutt’altro che positivo.

Tanti italiani a letto per via dell’influenza, tipica di ottobre

Si passa, così, da un giorno pieno di sole e caldo, ad un altro giorno con piogge e venti che provocano non poco fastidio.

Il risultato è servito: ci becchiamo l’influenza!

E c’è da dire che non è nemmeno una cosa di poco conto dato che se un’influenza simile, considerata sciocca, non viene curata bene, può portare a delle conseguenze peggiori per la nostra salute.

Cosa dice il meteo?

Stando a quanto viene riportato sul sito ilmeteo.it , da venerdì 11 l’anticiclone sub-tropicale comincerà a guadagnare sempre più spazio sul Belpaese.

In parole povere, avremo un periodo più stabile e soleggiato che si protrarrà fin dopo il weekend.

Vedremo, quindi, delle temperature in aumento con valori massimi che sfioreranno i 30°C al Sud, i 26°C al Centro e i 23°C al Nord.

I casi di influenza

C’è un primo caso di influenza, isolato a Parma, avvenuto circa due settimane fa. Ma non sentitevi da meno.

Si contano centomila italiani alle prese con i virus parainfluenzali, ed stiamo parlando solo di stima visto che non è semplice contarli.

Si contano un totale di  266 virus respiratori che si attivano a causa degli sbalzi termici, davvero troppi in una sola giornata.

Parliamo del rinovirus che causa raffreddore ma anche di altri virus che assomigliano all’influenza portando un po’ di febbre, dolori articolari, problemi intestinali, placche alla gola con bronchiti oltre a rari casi di forme batteriche.

Insomma, chi più ne ha più ne metta.

Poco importa se un giorno fa freddo e un altro giorno fa caldo: il virus viene aiutato dallo sbalzo termico in generale.

Sì, perché la variazione di temperatura altera il rinnovo del muco degli alveoli: stiamo parlando di un meccanismo di lavaggio fatto da cigli vibratili sulla parete respiratoria.

Quello che lo sbalzo di temperatura è fermare il rinnovo del muco e così il virus entra e fa quel che vuole.

Sembrano ormai lontani i tempi dell’estate, dove era raro avere l’influenza.

Leggi anche:

Influenza 2019, molecola anti tumore, latte e cereali a colazione quali rischi e cancro al seno, le novità di oggi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.