Insonnia: ecco quali rischi nasconde questo problema

Insonnia, chi ne soffre non la deve sottovalutare.

Chi soffre d’insonnia è meglio che sappia che non è assolutamente un sintomo da sottovalutare, riposare per un quantitativo di ore giuste e nel modo giusto, protegge il nostro cervello da ansia e stress.

Insonnia, un problema da non sottovalutare in assoluto

L’insonnia è un problema che coinvolge parecchie persone, ne soffre un italiano su quattro, ma fate attenzione può avere delle conseguenze molto pericolose sia fisiche che mentali, non può essere considerato un problema da niente e prenderlo sotto gamba.

Riposare bene è molto importante, ci fa essere attivi durante la giornata ma va a preservare la salute del nostro cervello. Di rimedi per ovviare a questo problema ce ne sono tanti, sia farmacologici che naturali.

Iniziamo a dire che soffrire di insonnia non è per tutti uguale, le tipologie sono varie, vediamole:

  • Insonnia da stressati: sono i soggetti che sono sempre sotto pressione, si abbattono se non vengono apprezzati e gratificati
  • Insonnia da psicologicamente fragili: hanno reazioni negative agli eventi della vita, il loro sonno va a singhiozzo
  • Insonnia da depressi: avendo un umore basso, una volta svegliatosi la notte non si riaddormentano più
  • Insonnia da poco reattivi: subiscono e non reagiscono, questo va ad intaccare il loro sonno
  • Insonnia da ansiosi: durante il sonno sono vittima di incubi ricorrenti

Dormire va ad interessare tutto il cervello, decide quando svegliarsi e va a ricaricare le energie per farci affrontare la giornata nel modo migliore. Le fasi del sonno sono due, una è il sonno lento dove c’è l’addormentamento, il sonno leggero e il sonno profondo; poi c’è la seconda fase detta REM, dove sogniamo e siamo immobili, è importante non interrompere mai questa fase sennò si va a compromettere la ricarica del cervello.

I rimedi

La prima cosa da fare è l’igiene del sonno e consiste:

  • rallentare i ritmi negli orari serali
  • mettere da parte PC e smartphone
  • spegnere le luci
  • abbassare i rumori

Poi ci sono i rimedi naturali come prendere una camomilla o una tisana, preferibili quelle a verbena e melissa. Se poi neanche così riuscite a risolvere, è meglio rivolgersi ad uno specialista.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp