Invalidità: dal 1° aprile 2020 cambiano le regole, le novità

Nuove regole dal 1° aprile 2020 per le domande di invalidità civile, cecità e sordità: ecco cosa cambia per tutti i cittadini dai 18 ai 67 anni.

L’invalidità civile si rinnova dal 1° aprile 2020 cambiano le modalità di presentazione delle domande di invalidità civile, sordità e cecità. La novità comunica sul portale Inps consiste nell’inviare in anticipo le informazioni di natura socio – economica con il modello AP70, di solito questo informazioni venivano inviate al termine dell’esito positivo della fase medico sanitaria. 

Invalidità civile: chiarimenti Inps

L’Inps con il messaggio numero 4601 del 10 dicembre 2018, aveva già comunicato la semplificazione della procedura per la presentazione della domanda di invalidità civile, sordità e cecità, per gli aventi diritto compresi tra un’età dai 18 ai 67 anni. 

La fase di sperimentazione è terminata con esito positivo e l’ente con il messaggio numero 1275 del 20 marzo, informa tutti i cittadini che a decorrere dal 1° aprile 2020 è ufficilae e obbligatorio la nuova modalità di presentazione delle domande di invalidità civile, per tutti i soggetti che ne faranno richiesta con un’età compresa tra i 18 e i 67 anni.

È possibile scaricare qui il modulo: Invalidità e accompagnamento: modulo AP70 (pdf)

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”