Invalidità per forte depressione con una percentuale bassa, si può fare ricorso?

Invalidità riconosciuta al 75 per cento, alla visita viene ridotta la percentuale invalidante al 50 per cento, cosa si può fare?

Invalidità riconosciuta per patologia invalidante al 75 per cento, alla visita viene ridotta la percentuale invalidante al 50 per cento, ma intanto la paziente sta sempre più male. È questo il caso di una nostra lettrice che ci chiede cosa fare, analizziamo come far valere i propri diritti. 

Invalidità ridotta, cosa fare?

Buongiorno sono la signora R. A., nel 2016 a mia madre è stata riconosciuta l’invalidità al 75% per motivi di forte depressione e dunque prende dei farmaci. Dopo 3 anni ha fatto la visita e il medico non ha capito niente sul problema di mia madre e l’ha abbassato al 50%. Le è stato riconosciuto la 104 ma mia madre non è più capace di lavorare, e dunque quando è arrivato il verbale a casa abbiamo cercato un avvocato per respingere esso.

L’avvocato ha fatto scadere il tempo e non si è più potuto fare niente al riguardo, dunque le volevo chiedere se può richiedere l’invalidità civile?! Grazie, aspetto la sia risposta.

Risposta

Gent.ma Sig.ra,
Sua mamma può certamente ripresentare la domanda, con l’aggravamento, per un  ulteriore valutazione del grado di invalidità, allegando ogni opportuna certificazione, Le consiglierei di farsi assistere da un medico-legale di fiducia alla visita, ricordando che potrà fare ricorso, entro sei mesi, (180 gg) decorrenti dalla comunicazione del verbale.

Cordialmente Avv. Fernanda Elisa De Siena


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Avv. Fernanda Elisa De Siena

L'Avv. Fernanda Elisa De Siena del Foro di Roma, dove vive ed esercita, si occupa del diritto civile in senso ampio con specializzazione in diritto previdenziale e lavoro, famiglia e minori.