Iran, donne allo stadio: il calcio abbatte le barriere dopo 40 anni

Iran, svolta storica: le donne allo stadio possono accedere dopo 40 anni di divieto

Quella del 10 ottobre è stata una giornata storica per l’Iran, per tutta la nazione e per tutto il nome del progresso e dei diritti umani. In occasione della partita Iran – Cambogia, di fatto, è stato possibile per la prima volta, dopo circa 40 anni di divieto, accedere per le donne allo stadio.

Iran, donne allo stadio: una vittoria per tutti

Nella giornata del 10 ottobre, 2019, allo stadio Azadi di Teheran, capitale dell’Iran, le donne assistono alla partita di calcio della nazionale contro la Cambogia, valida per le qualificazioni ai mondiali di Qatar 2022.

Un evento storico, visto che alle donne è vietato l’ingresso negli stadi dal 1981.

Qualche apertura era arrivata solamente per eventi di grande portata, per esempio nei mondiali di Russia 2018 dove le donne andarono in trasferta a seguire la nazionale e nella finale di Champions League asiatica dello scorso novembre, dove giocavano gli iraniani del Persepolis, dedicando un settore solo per le donne con invito.  Stavolta, invece, lo spazio dedicato alle donne ha raggiunto i 3500 posti.

Iran, donne allo stadio: un evento preceduto da una tragedia

Non più tardi di un mese fa, aveva fatto il giro del mondo la storia di Sahar Khodayari, giovane tifosa dell’Esteghlal deceduta in ospedale il 10 settembre dopo essersi data fuoco all’esterno del tribunale dove era sotto processo per essersi travestita da uomo per entrare allo stadio e assistere a una partita della sua squadra.
 
Quella delle donne che, in abiti maschili, tentavano di “raggirare” le ferree e stupide leggi locali, in nome di libertà e uguaglianza, è narrata anche in un film di Jafar Panahi, del 2006, diretto da Jafar Panahi, al quale costò diverse accuse dal suo stesso paese, fino alla carcerazione. L’episodio, assieme ad una certa pressione portata dalla Fifa negli ultimi tempi, potrebbe aver segnato la svolta decisiva per far si che in Iran, le donne allo stadio possano avere pari diritti.
 

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp