Iron Maiden – The Number of the Beast, il numero della bestia

Iron Maiden – The number of the Beast recensione album

The Number of Beast rappresenta per molti il vero capolavoro degli Iron Maiden anche grazie al nuovo arrivo nel gruppo di Bruce Dickinson infatti sostituisce Paul di Anno alla voce che subito mette in evidenza le sue doti vocali. L’album si apre con Invaders un vero è proprio rock n roll dallo stile molto zeppeliniano ma più infuocato bello tirato dall’inizio alla fine. Subito a seguire la bella ballata di Childred of the Damned che mettono subito in risalto le doti vocali di Dickinson. Un grandissimo sound lo troviamo invece in The Prisoner un bel pezzo rabbioso e trascinante,subito potente e molto lineare.Un altro capolavoro dei Maiden è senza dubbio 22 Acacia Avenue dove il sincro delle due chitarre è qualcosa di spettacolare. Ben presto diventerà uno degli amovibili dai live proprio grazie alla sua potenza sonora,di sicuro uno dei più potenti di tutta la produzione degli Iron Maiden. Dopo la narrazione di un pezzo della Bibbia da Christopher Lee dove viene indicato il ‘numero della bestia’ nell’Apocalisse che fa da introduzione proprio ad uno dei capolavori dei questo album: The Number of The Beast, un rock duro con molte varianti nei riff che si alternano a velocità della luce. Run To The Hills è un classico rock incalzante dal riff di chitarra molto orecchiabile che lo porta subito in testa alle classifiche come singolo,mentre Gangland anche se strutturalmente più veloce sembra essere il seguito naturale di Run to The Hills. Rintocchi di campane funebri ci introducono in Hallowed be thy Name che dopo un inizio lento ci regala un crescendo scandito prima da un sincro di chitarre e successivamente assoli scanditi in maniera lineare e perfetta. Hallowed be thy Name è sicuramente uno dei capolavori degli Iron Maiden che rimarrà una delle pietre miliari non solo del gruppo ma di tutto il Rock.

The Number of The Beast è praticamente l’album della consacrazione dei Maiden, dal suono coerente e inconfondibile,un grande album che suggellerà il sound degli Iron Maiden nel mondo musicale.

Se ti interessa leggi anche:

Heavy metal, cerchiamo di capire di che si parla

Iron Maiden – Iron Maiden, la Genesi dove tutto ebbe inizio

Iron Maiden – Killers, il puzzle si sta componendo

 

 

Tracklist

N.B. Gli asterischi rapresentano il mio indice di gradimento.

  • Invaders (****)
  • Children of the Damned (*****)
  • The Prisoner (****)
  • 22 Acacia Avenue (*****)
  • The number of the beast (*****)
  • Run to the Hills (****)
  • Gangland (****)
  •  Hallowed be thy Name (*****)

Antonio Murante

Sono nato a Salerno nel 1971, romano d'adozione, amo dipingere,suonare il basso,amo la musica in tutte le sue forme ed è l'unica cosa a cui non rinuncerò mai.
Follow Me: