Isee 2019: la nuova scadenza e i documenti da presentare

Isee 2019: le novità per la compilazione della DSU e la nuova scadenza stabilita dal Decreto Crescita, ecco cosa c’è da sapere

In questi ultimi mesi sono state stabilite molte novità riguardo del modello ISEE 2019, come una nuova scadenza e nuovi modelli DSU. Il modello Isee 2019 serve al cittadino per accedere alle diverse agevolazioni, come ad esempio il Reddito di Cittadinanza, il bonus Bebè, agevolazione per le tasse universitarie o sociosanitarie ma anche l’ammissione al saldo e stralcio e così via.

Isee 2019: le novità

Il calcolo dell’Isee 2019 non è variato, esso si basa sempre sui dati rilasciati dal cittadino tramite la DSU che riguardano quelli reddituali, patrimoniali di tutti i componenti della famiglia. Questi dati sono auto-certificati dal contribuente, mentre quelli fiscali e quelli relativi ai trattamenti erogati dell’Inps, sono acquisiti direttamente dalla banca dati dell’Agenzia delle Entrate e dall’Inps. La novità per il 2020 riguarderà, invece, il calcolo dell’Isee che si baserà su dati di redditi e patrimoniali di due anni precedenti, cioè per la compilazione dell’Isee 2020, i dati da considerare saranno quelli dell’anno 2018. Un’altra novità molto importante, stabilita dal Decreto Crescita è la scadenza di validità della DSU fissata dal 2019 al 31 dicembre, ad esempio per l’Isee 2019 richiesto nel 2019 scade a dicembre 2019, quello richiesto nel 2020 scade il 31 dicembre del 2020, con l’obbligo di rinnovo al 1° gennaio dell’anno successivo.

Isee 2019: documenti necessari alla compilazione della DSU

Per la compilazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) c’è bisogno di diversi documenti, da presentare al Caf o al commercialista di fiducia. I documenti per il rinnovo sono:

  • stato di famiglia;
  • codice fiscale;
  • documento d’identità valido di ogni componente del nucleo familiare;
  • ultima dichiarazione dei redditi (modello UNICO o modello 730);
  • Certificazione Unica, ex CUD di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • contratto d’affitto e copia dell’ultimo canone pagato;
  • saldo contabile dei depositi bancari e postali al 31/12/18;
  • azioni o quote possedute di società e organismi d’investimento collettivo di risparmio;
  • patrimonio immobiliare tramite le visure catastali;
  • assicurazione sulla vita.

Tutti questi documenti dovranno essere prodotti per ogni componente del nucleo familiare, tranne per chi non ha un reddito lavorativo.

Oltre a questi documenti, per il calcolo dell’ISEE 2019 e DSU occorrono anche:

  • certificati d’invalidità e la documentazione medica che attesti l’invalidità, le ricevute delle spese pagate per l’assistenza o per ricoveri in strutture residenziali;
  • documentazione che dimostra:
    • compensi;
    • indennità;
    • trattamenti previdenziali e assistenziali;
    • redditi esenti ai fini Irpef;
    • redditi prodotti all’estero;
    • borse e/o assegni di studio;
    • assegni di mantenimento per coniuge e figli;
    • compensi erogati per prestazioni sportive dilettantistiche.

Isee 2019: documentazione patrimoniale mobiliare e immobiliare

Il contribuente per favorire il calcolo dell’Isee 2019 deve presentare anche la documentazione che attesti la sua situazione patrimoniale: mobiliare e immobiliare avente data 31/12/2018. I documenti da presentare, oltre quelli già indicati nel precedente elenco, sono i seguenti:

  • per i mutui: certificati che attestino la quota capitale residua dei mutui per l’acquisto e/o la costruzione degli immobili di proprietà;
  • per le case di proprietà: certificati catastali, atti notarili di compravendita, successioni;
  • targa o estremi di registrazione al P.R.A. e/o al R.I.D. di autoveicoli e motoveicoli di cilindrata pari o superiore a 500cc, di navi e imbarcazioni da diporto.

In più, per i portatori di handicap c’è l’obbligo di consegnare i seguenti documenti per il calcolo dell’ISEE 2019:

  • il certificato che attesti l’handicap con il nome dell’ente che ha rilasciato il documento, il numero identificativo e la data di rilascio;
  • ricevute di spese effettuate per l’assistenza personale e/o per il ricovero presso strutture residenziali.

Per ulteriori approfondimenti si consiglia di visitare il sito Inps.

Isee 2020: Dsu precompilato con i saldi conti corrente, addio alle false dichiarazioni

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.