ISEE 2020: chiarimenti Inps su validità, scadenza, e calcolo

ISEE 2020 scadenza, calcolo e validità della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). Si tratta, di documenti indispensabili per l’accesso alle prestazioni sociali ed assistenziali.

ISEE 2020, l’Inps fornisce nuovi chiarimenti sulla scadenza, calcolo e validità della DSU. Si tratta di documenti necessari per quantificare il grado di benessere delle famiglie, non solo, sono dichiarazioni indispensabili per poter accedere a tutte le prestazioni sia sociali che assistenziali stabilite dalla legge per le famiglie che rientrano in determinati parametri.

Come riportato dall’Inps in Gazzetta Ufficiale n. 207 del 4 settembre 2019 le modifiche interessano in particolare la validità della Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU), nonché relativa agli anni di attinenza dei redditi del nucleo familiare e patrimoniali. Nello specifico, cambia la validità della dichiarazione DSU, il documento resterà valido per l’intero anno solare, ossia fino al successivo 31 dicembre.

ISEE 2020: La nota Inps  

L’Inps attraverso il comunicato n. 3418 del 20 settembre 2019, ha specificato tutte le novità inerenti all’indicatore ISEE, nonché della DSU. Di seguito riportiamo i cambiamenti che riguardano in particolare l’ISEE 2020, quali:

  • l’ISEE a partire dal 2020 subisce una modifica sulla scadenza, in particolare tutte le dichiarazioni sull’Indicatore della Situazione Economica Equivalente scadono il 31 dicembre 2019. Ciò significa che dal 1° gennaio 2020, nonché per gli anni successivi l’ISEE resta valido per l’intero anno solare, ossia la validità del documento parte dal giorno dell’esibizione e termina il 31 dicembre del medesimo anno. L’ISEE 2020 scadrà il 31 dicembre 2020 indipendentemente dalla data di rilascio del documento;
  • calcolo ISEE 2020: per lo sviluppo dell’ISEE solitamente venivano rapportati i redditi relativi ai 2 anni precedenti, nonché al patrimonio inerente all’anno anteriore. Quindi, il conteggio dell’Isee 2019 è stato calcolato sui redditi del nucleo familiare del 2017, mentre il reddito da patrimonio equivalente al 31 dicembre 2018. Così come disposto dal Decreto legge n. 101 del 3 settembre 2019 collegato al Decreto crescita d.l. del 30/4/2019, successivamente convertito nella Legge n. 58 del 28/6/2019 nella dichiarazione ISEE 2020 andranno inseriti sia i redditi del nucleo familiare percepiti che i patrimoni fruiti nei 2 anni precedenti alla dichiarazione. Cosa significa? Nel modello ISEE 2020 dovranno essere inseriti i dati relativi a tutti i documenti del 2018.

 ISEE 2020: calcolo online

Attraverso il sito dedicato all’Inps i cittadini possono richiedere il rilascio dell’ISEE 2020. I cittadini in possesso delle credenziali d’accesso possono compilare online nel sito dell’Istituto la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) contenente una parte di dati auto-dichiaranti come: componenti nucleo familiare, dati anagrafici, valore del reddito complessivo del nucleo familiare, giacenza media, nonché patrimoniale relativi ai 2 anni precedente la dichiarazione.

Compilata la dichiarazione DSU in tutte le sue parti viene trasmessa all’Insp, il quale entro un massimo di circa 10 giorni lavorativi, effettua tutti i controlli sulla veridicità dei dati inseriti dal contribuente.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein