ISEE 2020: come fare la dichiarazione DSU senza Caf in modo semplice e veloce

ISEE precompilato 2020, come inviare in modo semplice la DSU con l’accesso all’Inps, tutte le informazioni.

Il 4 ottobre 2019 ha debuttato l’Isee precompilato in Gazzetta Ufficiale, per permettere ai cittadini di elaborare al DSU alla scadenza senza dover fare code interminabili oppure appuntamenti ai Caf con tempi lunghi, rischiando di perdere le agevolazioni. Con la modifica della scadenza Isee al 31 dicembre di ogni anno, per molti cittadini diventa davvero una corsa agli ostacoli procedere con il rinnovo. L’Inps modificando la scadenza ha reso accessibile l’Isee precompilato in modo da facilitare l’acquisizione in tempo utile per aggiornare le agevolazioni (bonus bebè, bonus luce e gas, Reddito di cittadinanza).

Accesso al portale Inps per la compilazione della DSU

È possibile accedere al portale Inps per la compilazione della DSU tramite le credenziali Inps (Pin dispositivo) o tramite le credenziali dell’Agenzia delle Entrate o credenziali Spid di secondo livello.

Abbiamo redatto una breve guida su come richiedere il pin, se volete accelerare i tempi è possibile fare richiesta delle credenziali direttamente presso gli uffici Inps di territoriali.

Per approfondimenti: Come chiedere il Pin Inps e tenere sotto controllo la situazione contributiva

Se avete le credenziali potete accedere direttamente da qui alla compilazione della DSU: Home Inps ISEE

Va considerato che alcuni dati devono essere sempre controllati e inseriti dal richiedente la DSU.

Componenti della DSU autodichiarate e non precompilate

1. Ai fini della presentazione della DSU, restano autodichiarate dal dichiarante le seguenti informazioni:

a) composizione del nucleo familiare a i fini della determinazione del valore valido per la scala di equivalenza;

b) indicazioni di soggetti facenti parti del nucleo familiare rilevanti ai fini del calcolo per le componenti aggiuntive Isee;

c) componenti del nucleo familiare con condizione di non autosufficienza o disabili;

d) indicazione della casa di abitazione del nucleo familiare;

e) il reddito complessivo nel caso di esonero della presentazione della Certificazione Unica trasmessa dal sostituto d’imposta o limitatamente al caso di esonero dalla presentazione della dichiarazione o ai redditi diversi da quelli prodotti nel regime forfetario;

f) tutte le indicazioni delle componenti reddituali (come da regolamento Isee);

i) bisogna dichiarare gli assegni periodici corrisposti;

l) l’importo dell’eventuale mutuo contratto per l’acquisto o il rifacimento del patrimonio immobiliare;

m) tutte le informazioni del patrimonio immobiliare;

n) le informazioni del patrimonio mobiliare;

p) bisogna indicare il possesso di  autoveicoli, motoveicoli di cilindrata di 500 cc e superiore, navi e imbarcazioni da diporto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”