Isee 2020: Dsu precompilato con i saldi conti corrente, addio alle false dichiarazioni

Isee 2020: gli Italiani più ricchi di 12.000 euro pro-capite, ecco come vengono svelate le bugie dall’Anagrafe dei conti correnti

Dal 1° gennaio 2020 entra in vigore l’Isee precompilato, in questo modo i furbetti possono dire addio alle false dichiarazioni. Le novità del nuovo Isee consistono nella compilazione della Dsu, cioè il modulo con cui si fa richiesta dell’indicatore della situazione economica della famiglia. Che sarà a disposizione sul sito dell’Inps già precompilato di diversi dati. Fino ad oggi la Dsu a disposizione sul sito Inps era completa solo dei dati reddituali, ma mancava di molti altri dati che il contribuente doveva inserire, anche con la consulenza del Caf. Invece dal 1° gennaio la Dsu sarà completa dei dati immobiliari, dei saldi dei conti correnti o l’altro tipo di rapporto bancario, postale o assicurativo. Sono dati che vengono quindi sottratti all’autocertificazione del contribuente, limitando in questo modo le numerose frodi avvenute in passato.

Isee precompilato: addio alle false dichiarazioni

Un dato importante è che nel 2016, i contribuenti che avevano dichiarato di non essere titolare di un conto corrente erano più del 70%. Mentre l’Abi nello stesso periodo dichiarava che l’80% degli italiani possedevano un conto corrente.

Con il nuovo Isee precompilato non si potrà più rendere false dichiarazioni per ottenere benefici socio-sanitari non dovuti. I dati verranno prelevati dall’Archivio dei rapporti finanziari e dall’Anagrafe tributaria. Quindi possiamo dedurre che il Fisco già conosce tutto sui contribuenti prima ancora che questi procedono con l’autocertificazione. Tali database contengono dati su saldi e giacenze medie di conti e depositi del nucleo familiare comunicate da banche, Poste e intermediari finanziari all’Agenzia delle Entrate.

Con questo nuovo sistema dell’Isee precompilato, il contribuente può ottenere l’Isee collegandosi direttamente al Sito dell’Inps. Senza la necessità di rivolgersi al Caf come accade ormai dal 2015.

Solo con la notizia dell’entrata in vigore dell’Isee precompilato per il prossimo anno ha prodotto, ha fatto si che per quest’anno, le dichiarazioni che hanno dichiarato un patrimonio nullo è sceso al 15% rispetto al 67% dell’anno precedente. Quindi oggi si può dire che il 4,3% degli italiani sono davvero nullatenente.

La media dei risparmi dichiarati è salita anch’essa, passando da 6.800 euro del 2014 al 18.600 euro del 2017. Questo non è dovuto all’aumento della ricchezza pro-capite, ma, secondo il rapporto Isee del Ministero del Lavoro, ai patrimoni che precedentemente non venivano dichiarati.

Isee 2020: Dsu precompilata con saldi dei conti corrente ed altro

La Dsu precompilata raccoglierà informazioni sia dell’Anagrafe tributaria sia dal Catasto. I dati sui redditi saranno prelevati dalle dichiarazioni fiscali e quindi, come sempre si farà riferimento ai redditi di due anni prima.

Per chi, invece, nel corso dell’anno vede mutarsi la propria situazione reddituale, a causa della perdita di lavoro o del trattamento di assistenza o pensione, può ricorrere all’Isee corrente, aggiornando i dati di ciascun componente della famiglia.

Per accedere all’Isee precompilato, come abbiamo già detto basta collegarsi al sito dell’Inps o dell’Agenzia dell’Entrate o, in caso non si abbia una connessione internet, anche ad un centro di assistenza fiscale. Resta comunque sempre la possibilità di presentare la Dsu non precompilata come accade oggi.

Per visualizzare la Dsu sul sito dell’Inps bisogna identificarsi con Pin dispositivo Inps, Pin dell’agenzia delle Entrate o identità digitale Spid di livello 2 o superiore. Poiché, la Dsu contiene anche dati dei componenti della famiglia, prima di poterla visualizzare il contribuente dovrà dimostrare di conoscere alcune informazioni sensibili sui familiari e inserirle nel sistema. Nel caso il contribuente non è in grado di indicare i dati richiesti, che possono essere reddito Irpef dichiarato o saldi conti corrente, dei familiari, dovrà presentare la Dsu in modalità non precompilata.

Isee Università genitori separati. come funziona e quali redditi vanno inseriti?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.