Isee precompilato: come richiedere la DSU

Ecco quali sono i dati necessari per poter procedere alla richiesta del modello Isee tramite DSU precompilata: dati presenti e da inserire,

La novità riguardo all’Isee del 2020 è rappresentata dall’Isee precompilato: è possibile, pre chi ha necessità di presentare la dichiarazione Isee per prestazioni sociali, presentare la DSU precompilato con i dati messi a disposizione da INPS e Agenzia delle Entrate anche se tali dati compilati in automatico dovranno, poi, essere implementati con autodichiarazioni del contribuente. Vediamo, quindi, qual è la procedura per richiedere l’Isee con la DSU precompilata e chi può usufruirne fin da subito.

Isee precompilato

Chiariamo, innanzitutto che l’utilizzo della DSU precompilata non è obbligatorio ma una libera scelta del contribuente che, quindi, potrà scegliere anche di avvalersi della presentazione della DSU tradizionale.

Vediamo cosa deve fare il dichiarante per utilizzare la DSU precompilata.

Innanzitutto il contribuente che richiede l’ISEE, tramite il PIN INPS, le credenziali di accesso all’Agenzia delle Entrate, utilizzando la SPID o la carta di identità elettronica, dovrà accedere al portale di compilazione sul sito dell’INPS.

Dopo aver effettuato l’accesso sulla pagina si dovrà procedere ad aprire la dichiarazione precompilata in cui sarà necessario dichiarare gli elementi di riscontro per poter ottenere anche i dati precompilati degli altri componenti del nucleo familiare.

I cosiddetti elementi di riscontro da indicare nella DSU precompilata sono nello specifico per ogni componente del nucleo familiare:

  • se ha presentato la dichiarazione dei redditi l’importo riportato nel rigo differenza della dichiarazione stessa
  • se esistono rapporti finanziari per un valore complessivo inferiore a 10mila euro o nel caso non esistano rapporti finanziari. Dei rapporti finanziari andrà indicato il saldo contabile oppure il valore del patrimonio mobiliare che riguardino, però, rapporti non cointestati con il dichiarante. Se esistono più rapporti non cointestati andrà indicato quello che ha il valore positivo più alto.

Se non si è in grado di indicare gli elementi di riscontro, purtroppo, l’unica soluzione è quella di presentare una DSU non precompilata.

I dati presenti sulla DSU precompilata già forniti da INPS e Agenzia delle Entrate sono:

  • eventuale canone di affitto pagato per la casa di locazione
  • patrimonio mobiliare di cui sarà riportato saldo e giacenza purchè detenuto in Italia
  • fabbricati detenuti in Italia
  • redditi dichiarati ai fini dell’Irpef
  • eventuali trattamenti erogati dall’INPS.

Se il richiedente lo desidera, poi, è possibile caricare anche altri dati automaticamente ma solo a patto che sia stata presentata una DSU l’anno precedente.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.