Italia senza governo, i cittadini con disabilità subiscono un doppio danno

Un Italia senza un governo, doppio danno per i cittadini con disabilità: fermi vari provvedimenti importanti che contengono diritti fondamentali, tra cui il diritto allo studio e l’inclusione lavorativa.

La mancanza di un governo è un danno per tutto il Paese, e nuoce doppiamente per i cittadini con disabilità. A denunciare un aspetto importante, di cui nessuno ne parla, è la Fisc, tramite il presidente Vincenzo Falabella, che evidenzia la stasi di alcuni provvedimenti fondamentali, provvedimenti che erano in attesa di diventare operativi.

Senza governo, doppio danno e provvedimenti in stallo

Si tratta di provvedimenti strettamente connessi ad aspetti fondamentali a tutela dei disabili, ad esempio: il diritto alla salute il diritto al lavoro, il diritto allo studio.

In particolare, i decreti applicativi sulla “buona scuola” che se emanati per tempo, dovrebbero garantire, il diritto allo studio per alunni con disabilità per il prossimo anno scolastico. In stallo anche le linee guida per l’inclusione lavorativa, previste da oltre due anni e ancora in attesa di pubblicazione.

Fermo anche il programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità. Il programma di estrema importanza, propone linee di azione su moltissimi ambiti che interessano direttamente o indirettamente la qualità della vita delle persone con disabilità. In particolare, comprende diritti sulla revisione dei criteri per il riconoscimento della disabilità, al lavoro, alla salute, allo studio e alla mobilità.

Un nuovo governo: l’appello dell’associazione Fisc

L’appello forte dell’associazione Fisc al primo garante della Carta costituzionale e degli Atti internazionali ratificati dall’Italia: il Presidente della Repubblica.

I diritti umani non possono essere accantonati, il prezzo è troppo alto per tutti, e le persone con disabilità pagano n prezzo maggiore. L’appello è quello di cercare una soluzione decisa e straordinaria a tutela di tutti i cittadini.

Leggi anche: Elezioni politiche il 4 marzo: voto a domicilio anche per i caregiver familiari, lettera a Mattarella

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.