La Cefalea cronica è una malattia invalidante, la legge in vigore dal 12 agosto 2020

La cefalea cronica diventa una patologia invalidane a tutti gli effetti, la legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale, in vigore dal 12 agosto 2020.

La cefalea cronica è a tutti gli effetti una malattia invalidante, finalmente approvata la legge numero 81 del 14 luglio 2020 contenente le “Disposizioni per il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale”. Pubblicata in G.U. il 28 luglio con il numero 188 in vigore dal 12 agosto 2020. La legge è stata approvata con 2 soli voti contrari e 235 voti favorevoli, senza nessuna astensione. 

Cefalea cronica malattia invalidante

La lotta per far riconoscere la cefalea una malattia invalidante risale a molti anni, dal 2003, quando le storiche associazioni si occuparono del problema redigendo la Carta dei Diritti del paziente cefalagico. 

Ma come viene riconosciuta l’invalidità?

Il nuovo testo di legge numero 81/2020 prevede che la cefalea cronica accertata tale da almeno un anno mediante diagnosi accertata da uno specialista che ne attesti lo stato invalidane e che pregiudica la vita sociale, rientrano nelle patologie invalidanti: 

  • cefalea a grappolo cronica;
  • emicranica cronica e ad alta frequenza;
  • emicrania parossistica cronica;
  • emicrania continua;
  • cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici;
  • cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione.

Prossimo passo

Dopo l’entrata in vigore della legge, entro 180 giorni il Ministero della Salute deve adottare il decreto. Individuare progetti specifici e sperimentare metodi di assistenza per le persone affette da cefalea con criteri e modi con cui le regioni devono procedere nell’attuare i progetti. 

Una grande vittoria, l’emicrania cronica riguarda dal 2,5 al 4 per cento della popolazione, sempre troppo spesso sottovalutata che limita nei casi gravi le operazioni di vita quotidiana e la vita sociale.  

A luglio un farmaco contro l’emicrania episodica e cronica

Arrivano buone notizie anche sul fronte medico per combattere questa patologia e migliorare lo stile di vita. L’Ansa ha comunicato che a breve sarà disponibile a carico del Servizio Sanitario Nazionale un farmaco contro la prevenzione dell’emicrania cronica e episodica. La somministrazione sarà sottocutanea e mensile, con una velocità nella risposta, si parla di miglioramenti positivi già dalle prime settimane, anche in pazienti considerati ‘difficili’ che non hanno avuto risultati con le altre cure. Si tratta di  una cura innovativa con efficacia elevata. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”