La Lega fa un passo indietro nel caso Siri, Conte se sarà necessario lo scollerò dalla sedia

La Lega fa un passo indietro nel caso Siri, Conte da Pechino afferma che “se sarà necessario lo scollerò dalla sedia”, ecco cosa sta succedendo.

Conte afferma la sua carica sul caso Armando Siri, toccherà a lui trovare la soluzione. Ammonisce Salvini affermando che lui non è un passa carte. I continui botta e risposta tra i premier Salvini e Di Maio non fanno che creare ulteriori tensioni al Governo.

Conte da Pechino chiarisce la sua posizione e avverte: “Se la mia determinazione andrà nella direzione delle dimissioni, troverò il modo di scollarlo dalla poltrona”. Continua chiarendo che non tradirà mai la “fiducia dei cittadini verso le istituzioni”.

Conte spiega la sua posizione e chiarisce che lui non è un giudice, prenderà una decisione dando tutte le spiegazioni e motivazioni. Continua col dire che trova anche comprensibile che Siri venga difeso dal suo partito e capisce la posizione dell’altro vice premier che ha sempre dimostrato una profonda sensibilità sui temi della giustizia.


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”