La MotoGP presenta una richiesta ufficiale per iniziare la stagione alla fine di luglio

La MotoGp potrebbe iniziare il suo campionato 2020 dalla Spagna con un doppio GP a Jerez

La Formula 1 è impegnata a pianificare l’inizio della stagione all’inizio di maggio, ma non è l’unico campionato motoristico che vuole ricominciare. La MotoGP ha ora presentato anche una richiesta ufficiale per le prime due gare. Proprio come la Formula 1, anche la MotoGP si è fermata a causa del coronavirus e non è stata ancora organizzata alcuna gara. Laddove la Formula 1 punta a iniziare all’inizio di luglio con il Gran Premio d’Austria, la classe di motori guarda solo un po’ oltre. Il promotore Dorna vuole almeno dodici gare per  il campionato del 2020.

La MotoGp potrebbe iniziare il suo campionato 2020 dalla Spagna con un doppio GP a Jerez

L’organizzatore ha ora presentato una richiesta ufficiale al governo spagnolo per organizzare due gare sul circuito di Jerez, domenica 19 luglio e domenica 26 luglio. Il circuito in Spagna verrà quindi utilizzato per due gare di fila, proprio come il Red Bull Ring per la Formula 1, in modo che l’intero circo non debba spostarsi immediatamente. Nel comunicato stampa di Dorna è anche emerso chiaramente che la prima gara si svolgerà come Gran Premio di Spagna, mentre la seconda si svolgerà come Gran Premio di Andalusia. Con questo l’organizzazione vuole anche dare una spinta alla regione dell’Andalusia con la gara di Jerez.

Dopo la MotoGP, Dorna vuole anche iniziare il campionato mondiale Superbike sul circuito di Jerez, ma ciò avverrà nel fine settimana del 2 agosto. Tutte le gare si terranno a porte chiuse e l’organizzazione si prenderà cura delle immagini. Per il momento dunque i media non saranno i benvenuti sul circuito, proprio come in Formula 1.

Ti potrebbe interessare: MotoGP: Petronas aspetta di capire cosa vuole Valentino Rossi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp