La pasta: impariamo a scegliere la migliore

La pasta, ci sono tante varietà, ma come scegliere quella giusta per noi.

La pasta è uno di quegli alimenti che difficilmente riusciamo a rinunciare, un tempo quando si parlava di pasta non ci ponevamo tanti dubbi, poteva essere di grano duro, all’uovo, la pasta fresca, al massimo quella integrale; oggi invece abbiamo tante varietà da poter scegliere tra le tante offerte che ci vengono proposte, tra cui la pasta ai legumi, alla canapa, senza glutine, alla spirulina, ai cereali e tante altre.

Impariamo a conoscere le varie tipologie della pasta e quali possono fare al caso nostro

Incominciando ad esaminare la pasta, possiamo dire che variare l’alimentazione è molto importante per il nostro organismo, quella di grano duro è la principale, poi per esigenze c’è chi non può mangiarla perché è allergico al glutine, quindi deve usare quella senza glutine, chi per altre esigenze deve usare altri tipi di pasta, attenzione non tutte si trovano nei comuni supermercati, iniziamo ad imparare a conoscerle.

Pasta di grano: esistono differenti tipologie, quelle con grani antichi come il Senatore Cappelli o quella di grano Khorasan, più leggera e digeribile. Poi c’è la pasta bianca, quella integrale ricca di nutrienti e quella semi-integrale comunque molto salutare.

Pasta di farro: anche qui esiste quella più raffinata, la più scura, e quella meno raffinata. Di questa pasta si possono trovare vari formati, dalle pennette alle fettuccine fino ad arrivare alla pasta pronta per le lasagne.

Pasta di grano saraceno: da qui si ricavano formati di pasta senza glutine, viene usato come un normale cereale, è molto digeribile anche se il sapore non è gradito da tutti.

Pasta di avena: senza glutine e facilmente digeribile, ottima per i celiaci.

Pasta di quinoa: è uno pseudo cereale, appartiene alla famiglia degli spinaci, un mix di proteine e carboidrati.

Pasta di riso: anche questa è senza glutine, ha un colore molto chiaro ed esiste anche integrale. Per la pasta di riso bisogna fare attenzione solo per chi soffre di diabete, ha un indice glicemico abbastanza alto.

Pasta di legumi: attualmente è quella che va per la maggiore, è realizzata al 100% con legumi come ceci, lenticchie, fagioli o piselli. Ottimo per apportare all’organismo proteine senza assumere prodotti di origine animale.

Pasta di mais: è di colore giallo ed è una buona variante “gluten free”, eèla pasta senza glutine più diffusa, il loro formato inizia dalla pastina.

Pasta di soia: sono quella che vediamo nei piatti tipici orientali, da noi fatta con vermicelli e penne con un’aggiunta di farina di grano.

Pasta shirataki: originaria del Giappone, contiene un basso apporto calorico, è senza glutine; gli spaghetti vengono venduti sia nella versione secca che idratata.

Pasta alla spirulina: non è altro che una pasta di grano duro con aggiunta di un’alga di acqua dolce, è ricca di sali minerali.

Pasta alla canapa: anche questa è una pasta di grano dura con aggiunta di canapa per esaltarne il gusto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp