La pizza di Cracco fa infuriare tutti, ecco perchè

La pizza rivisitata di Carlo Cracco fa rivoltare il web, non si può chiamare pizza, ecco perchè…

Lo chef stellato Carlo Cracco messo in discussione sui social, ha elaborato la  sua rivisitazione della pizza margherita. Lo chef Cracco, ha aperto di recente un nuovo ristorante nella Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, nel menù ha aggiunto anche la pizza. I social si sono scatenati contro di lui, in modo ironico, ma la pizza non è stata gradita.

La pizza di Cracco ha fatto infuriare i social

Lo chef Cracco ha elaborato una rivisitazione della ricetta originaria, ha cambiato aspetto alla famosa pizza margherita, della ricetta originale ha conservato solo la forma rotonda.

Nella ricetta realizzata dallo chef Cracco sono stati inseriti ingredienti nuovi, quali: un impasto croccante con cereali aggiunti nella farina, salsa di pomodoro San Marzano e pomodorini confit e a completare il tutto i semi di basilico.

Da qui vi lascio immaginare cosa è successo sui social, molti lo hanno invitato a fare un giro nei vicoli di Napoli per apprendere la ricetta originaria.

A sorprendere non è stata solo la rivisitazione della tanto amata pizza margherita, ma anche il prezzo, la pizza Cracco costa 16 euro, i napoletani lo hanno invitato a Napoli a mangiare la pizza, il cuoppo fritto e come bibita la birra, e paga molto di meno di 16 euro. 

Leggi anche: Contraffazione e truffa alimentare, essere Cannavacciolo non è un nulla osta (il caso)

Il post di twitter

 

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”