La singolare storia delle vergini giurate in Albania: le burrnesha

La burrnesha è una donna che decide di annullarsi come tale per diventare uomo al 100%. Si tratta di un modo di essere nato sei secoli fa ed oggi in via di estinzione.

La storia che vi stiamo per raccontare è quella di una comunità molto particolare e molto antica che interessa alcune zone dell’Albania e del Kosovo. Il tutto nasce dal Kunan, in italiano Canone, che è il più importante codice di norme di comportamento albanese che è molto antico. Nel Kunan si parla di queste vergini giurate, chiamate per l’appunto burrnesha, una categoria molto singolare di donne che sono costrette per i motivi più vari a diventare uomini. Si tratta di un fenomeno che non ha un’origine precisa, ma è molto radicato nel tempo e che pian piano sta però scomparendo.

Cos’è una donna burrnesha

Il termine burrnesha indica, appunto, una donna che decide di diventare un uomo, vestendosi come tale, rifiutando di essere donna per poi accedervi a tutti i privilegi del genere: fumo e alcool sono solo alcuni di essi. Ma non solo, la burrnesha possedeva così tutti i diritti giuridici riservati ai soli uomini della società patriarcale. Erano, dunque, donne che si vestivano come i maschi, lavoravano e si comportavano come tali, assumevano ogni aspetto del genere maschile per annullarsi totalmente come donne anche nell’intimità. Infatti, chi decideva di diventare una burrnesha, doveva fare voto di castità. Quindi non era possibile mettere su una famiglia e sposarsi.

Perché diventare una burrnesha?

I motivi che portano a una decisione drastica come questa sono molto diversi. Il primo è sicuramente legato a motivi familiari. Quando in una famiglia nascevano solo figlie femmine oppure veniva a mancare l’unico maschio, una delle figlie femmine era costretta a diventare una burrnesha. Un altro motivo era quello di sfuggire ad un matrimonio combinato, oppure per la semplice volontà di essere libera ed indipendenti. E dato che all’epoca questa libertà non era concessa alla donna, molte ricorrevano a questa drastica decisione. Infine, soprattutto in tempi recenti, alcune donne decisero di diventare burrnesha poiché lesbiche.

La cerimonia

Dato che si tratta di una decisione legata al diritto albanese, seguiva una cerimonia. La donna che decideva di intraprendere questa strada, doveva sottoporsi ad una cerimonia di giuramento dinanzi a 12 uomini anziani. Seguiva il taglio dei capelli e la vestizione. A questo voto solenne, ne seguiva una fase un po’ più bizzarra: la burrnesha veniva costretta ad ubriacarsi con della grappa, cosa che segna il non poter più tornare indietro.

Gli aspetti positivi

Trovandosi in una società patriarcale, le donne erano costrette solo a riprodurre e alle faccende domestiche. Diventando però una burrnesha, la donna acquistava considerazione, aveva la possibilità di prendere delle decisioni nel suo clan, fumare, andare nei bar, prendere parte alle attività sociali.

La burrnesha oggi

Attualmente si pensa che siano 200 le burrneshe ancora esistenti e che per lo più siano donne anziane. Questo ci fa capire come pian piano il Kunan stia perdendo il suo effetto. Diciamo che rispetto a sei secoli fa la situazione sta cambiando. Per capirne di più consigliamo il libro “Hana” di Elvira Dones da cui è tratto il film “Vergine giurata”.

leggi anche : La donna barbuta, la storia misteriosa di Annie Jones


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.