La Tiroide è una patologia invalidante, ho diritto a quale percentuale?

La tiroide rientra tra le patologie invalidanti quando il suo squilibrio comporta un handicap grave, alcuni chiarimenti e risposte ai lettori.

L’invalidità per la tiroide viene riconosciuta quando si riduce la capacità lavorativa per effetto di patologie che determinato un grave squilibrio tiroideo in modo permanente (handicap grave). È possibile accedere all’invalidità civile se esiste la patologia tiroidea comporta: “neoplasie a prognosi favorevole, con modesta compromissione funzionale” con il codice 9322. La percentuale invalidante per l’invalidità civile deve essere dal 33 per cento in su. Quindi, non tutti i soggetti affetti da patologia della tiroide hanno diritto all’invalidità, a valutare tale diritto è la Commissione medica legale Inps.

Percentuali che danno diritto all’invalidità

Le soglie percentuali per le prestazioni legate all’invalidità per tiroide sono:

  • 33%: è la percentuale minima riconosciuta che dà diritto all’invalidità civile e ad alcune agevolazioni come presidi medici o protesi;
  • 45%: con questa percentuale si ha diritto all’iscrizione nelle liste di lavoro delle categorie protette;
  • 50%: dà diritto al riconoscimento ai lavoratori dipendenti a congedi per cure mediche, purché sia previsto nei contratti di categoria;
  • 66%: con questa percentuale si ha diritto all’esenzione del ticket sanitario e delle prestazione mediche specialistiche (visite mediche o esami legati alla patologia invalidante accertata);
  • 74%: con questa percentuale si ha diritto all’assegno di invalidità che varia a seconda del reddito del paziente;
     dà diritto ad un assegno mensile il cui importo varia a seconda del reddito del paziente;
  • 100%: questa percentuale dà diritto all’indennità di accompagnamento quando subentra “handicap grave” e il paziente non è in grado di deambulare. Ha bisogno di assistenza continua e non riesce a compiere da solo atti di vita quotidiana. Si ha diritto alla pensione di inabilità.

Diritto all’invalidità per chi soffre di tiroide

L’invalidità dipende dal grado di invalidità della patologia, le tabelle ufficiali riportano le seguenti patologie riconosciute:

  • ipotiroidismo grave con ritardo mentale: percentuale fissa del 100%;
  • iperparatiroidismo primario: percentuale fissa del 50%;
  • ipoparatiroidismo non suscettibile di utile trattamento: percentuale dal 91% al 100%.

Da chiarire che sia l’ipertiroidismo che l’ipotiroidismo non rientrano tra le malattie che, danno diritto all’invalidità civile. Di solito alle neoplasie a prognosi favorevole con modesta compromissione funzionale viene riconosciuta una percentuale dell’11%. Questa percentuale non dà diritto alle agevolazioni e all’invalidità civile che predispone una percentuale dal 33 per cento.

Ci sono pervenute sulla mail di consulenze@notizieora.it molte richieste di chiarimento.

Faq patologia tiroide e malattie correlate

Intervento di Tiroidectomia totale. Buonasera, ho letto l’articolo sul diabete e tiroide.
Sono una persona che ha subito un intervento di Tiroidectomia totale cioè sono senza tiroide per via dell’esportazione totale dal 2006.
Ho esenzione per patologia prendo la compressa tutte le mattine e controllo dal mio endocrinologo ogni anno.
Vi chiedo gentilmente se potete chiarirmi le idee in merito.
Secondo Voi in che misura è l’invalidità?
Avrei diritto alla pensione dall’Inps?

Aspetto Vs
Grazie

Saluti
D. C.

Risposta. La prima cosa da fare quando si hanno dubbi sulla propria patologia e sull’entità della gravità è rivolgersi al medico curante, che potrà consigliarvi sull’iter da seguire e supportarvi alle visite mediche in quanto conosce la vostra anamnesi familiari e le complicanze della vostra patologia.

La legge prevede delle percentuali invalidanti quando sussiste uno stato di gravità tale che riduce la capacità lavorativa (handicap grave).

Quindi, nel caso specifico se l’intervento è risolutivo e quindi, non riporta ad uno stato di handicap grave, non credo che abbia diritto all’invalidità.

Pensione per invalidità. Attualmente lavoro non percepisco pensione prendo la 104 sono un’insegnante volevo sapere se devo fare domanda, per percepire la pensione . grazie anticipatamente

Risposta. I dipendenti del pubblico impiego posso accedere alla pensione per inabilità lavorativa che è diversa dalla pensione di invalidità. La pensione di inabilità ha un iter di valutazione, troverà in quest’articolo tutte le informazioni: Assegno invalidità, pensione inabilità e pensione anticipata contributiva

Domanda di invalidità. Buongiorno o fatto domanda di invalidità. So fra i problemi ai polmoni entità media grave. O l’asma. Sono stato. Sono stato operato 3 volte di ernia iatale e inguinale. Operato alle corde vocali sx e destra. Dopo il 3 intervento di ernia sono stato male e il medico che mia operato di ernia  mi dice che dovrò subire ancora l’intervento ancora di ernia. Ma INPS mi ha dato soltanto il 65 per cento di invalidità. Secondo voi è corretto o posso ricorrere nei confronti del INPS grazie

Risposta. Non le possiamo dire se è corretto o meno, tutto dipende dalla valutazione della Commissione medica Inps. Si può consigliare con il suo medico di base e se la percentuale a suo avviso non la rappresenta nella situazione patologia, allora può presentare una domanda di aggravamento con documentazione medica in cui le patologie di cui è affetto testimonino le difficoltà a svolgere azioni quotidiane. Per questo le consiglio di rivolgersi al medico di base e con lui valutare anche la documentazione medica da presentare a corredo della prossima visita in caso di domanda di aggravamento.

Certificato patologie invalidanti: Il mio medico  mi ha fatto un foglio di invalidità civile per questa patologia che ho da circa 20 anni. Cosa devo fare per avere il punteggio di invalidità?

Risposta. Penso che il medico le abbia dato un certificato medico che ha inviato all’Inps per la domanda di invalidità. Si rivolga ad un patronato con questo documento e presenti la domanda di invalidità. Lo faccia al più presto o rischia di far scadere i termini.

Tiroidite e patologia invalidante. Buongiorno, anni fa essendomi stata diagnosticata tiroidite di hashimoto sono stata sottoposta a terapia radiometabolica . Da anni assumo eutirox. Rientra la patologia tra le varie cause che mi darebbero accesso al trattamento pensionistico. Grazie cordialmente C.V.

Risposta. Mi dispiace, ma non posso risponderla a questa domanda, per sapere se la sua patologia e le conseguenze ad essa legata, deve rivolgersi al suo medico di base, che se lo ritiene opportuno invia il certificato medico con tutte le patologie telematicamente all’Inps e le rilascerà un numero protocollo per presentare domanda di invalidità.

Invalidità con 35 punti. Ho fatto una volta richiesta per la invalidità e mi hanno dato 35 punti così sonno stata a lavorare ancora per molto tempo malata. Però problema non è il solo diabete, ho il problema anche   pressione alta, ho fatto operare li occhi  2 volte con laser e ultimo ho fatto cataratta. Ultima volta che ho fatto di nuovo la richiesta per invalidità non mi hanno dato niente. Non capisco perché. 

Risposta. Può presentare una domanda di aggravamento per il riconoscimento di una percentuale invalidante più alta. Come primo step deve rivolgersi al medico e preparare una documentazione idonea e recente di tutte le patologie di cui è affetta. La documentazione la dovrà portare in originale e  copia alla visita medica dell’Inps.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”