La zuppetta napoletana, dolce tipico partenopeo

Ecco come fare in casa la zuppetta napoletana: uno dei dolci più antichi e golosi della pasticceria partenopea. Una vera delizia di strati di pan di Spagna e pasta sfoglia alternati da delicata crema pasticcera e amarene

La zuppetta napoletana è uno dei dolci più buoni e antichi, del territorio campano. Nelle pasticcerie e nei bar napoletani non manca mai, un vassoio di dolci senza la zuppetta, è da considerarsi incompleto. Questo dolce è una vera delizia, farla in casa poi non è difficile.

La zuppetta napoletana: dolce tipico

La zuppetta napoletana non è altro che la torta diplomatica, tagliata in pezzi quadrati. Composta da due strati di pasta sfoglia, tra i quali un pan di Spagna inzuppato al rum e farcito con crema pasticcera e amarena; cosparsa poi da tanto zucchero a velo. Farla in casa è facile, anche se ci sono vari passaggi per realizzarla. Il consiglio che vi do, è di preparare  le basi il giorno prima che vogliate servirla, così da comporre il dolce per la sera e tenerlo in frigo per tutta la notte. Per poi tagliarla in quadrati qualche ora prima di servirla, in questo modo sarà facile affettarla. Inoltre  preparata in anticipo, la zuppetta avrà più gusto, poiché tutti i profumi e gli aromi si saranno amalgamati perfettamente. Bé non ci resta che farla, vediamo gli ingredienti e il procedimento.

Ingredienti: Pan di Spagna

  • Farina 90 gr
  • Fecola di patate 60 gr
  • Uova 5
  • Zucchero 150 gr
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaino

Ingredienti: bagna

  • Acqua 1 tazza
  • Zucchero 2 cucchiai
  • Rum 1 tazzina

Ingredienti: crema pasticcera

  • Latte 500 gr
  • Panna fresca 200 gr
  • Uova 3
  • Zucchero 150 gr
  • Sale 1 pizzico
  • Amido 45 gr
  • Farina di riso 15 gr
  • Bacca di vaniglia
  • Pasta sfoglia 1 rotolo rettangolare
  • Amarene sciroppate q.b
  • Zucchero a velo q.b per decorare

Preparazione: zuppetta napoletana

La prima cosa da fare è il pan di Spagna, montate bene le uova con lo zucchero fino a renderle chiare e spumose, occorrono circa 10 minuti. Abbassate la velocità e aggiungete la vaniglia, incorporate adesso la farina e la fecola setacciate insieme, con una spatola con movimenti dal basso all’alto, per non smontare il composto. Trasferitelo in una teglia rettangolare, io ho usato una  di 30 x 22 cm, imburrata e infarinata cuocete in forno già caldo a 180° per 30/40 minuti fate sempre la prova stecchino. Cuocete anche la sfoglia, dividetela a metà e bucherellate tutta la superficie, cospargete con tanto zucchero semolato e infornate a 180° per 15/20 minuti deve dorare leggermente.cottura pasta sfoglia

La crema

Preparate nel frattempo la crema, in una pentola mettete il latte, la panna e la bacca di vaniglia e portate a bollore, lasciate in infusione per 15 minuti. In una ciotola montate le uova con lo zucchero e il pizzico di sale. Aggiungete l’amido e la farina di riso, unite il latte e la panna attraverso un colino e portate sul fuoco; fate cuocere mescolando fino ad addensare la crema. Coprite con pellicola a contatto e fate raffreddare. crema pasticceraPreparate anche la bagna portate a bollore l’acqua con lo zucchero, spegnete e aggiungete il rum.

Assemblaggio: zuppetta napoletana

Tagliate lo strato superiore del pan di Spagna e dividetelo in due ottenendo due strati di circa 2 cm, ritagliatelo lungo i bordi della stessa misura della sfoglia. Foderate con pellicola o sacchetto per alimenti, la stessa teglia dove avete cotto il pan di Spagna, adagiate una sfoglia all’interno, rivoltando il lato cosparso di zucchero verso l’alto. Distribuite ora uno strato di crema pasticcera, poi adagiate quello di pan di Spagna e bagnate con lo sciroppo.assemblaggio zuppetta napoletana Aggiungete ancora uno strato di crema e distribuite le amarene e ripetete di nuovo. Strato di pan di Spagna, bagna, crema pasticcera e amarena infine coprite con la sfoglia, con il lato cosparso di zucchero rivolto sulle amarene; questo accorgimento fa da impermeabile e serve non farla bagnare troppo. Chiudete con pellicola e trasferite in frigo.

Un paio d’ore prima di servire la zuppetta rigiratela su un vassoio, se occorre rifilate intorno, tagliate in quadrati da 5-6 cm di lato, cospargete con tanto zucchero a velo e tenetele in frigo fino al momento di gustarla.zuppetta tagliata in quadrati Leggi anche: Biscotti all’amarena, dolcetti del riciclo di origine napoletane

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.