Laurea, l’origine della corona di alloro, della toga e del tocco

Quale storia si cela dietro la corona di alloro, la toga ed il tocco, tutti simboli del conseguimento della laurea? Scopriamolo insieme.

In questo periodo alcuni ragazzi sono alle prese con la sessione invernale, sperando di dare più esami possibili al fine di terminare al più presto gli studi. C’è chi è al primo anno ed ha tutto il tempo necessario per capire come muoversi all’università e chi, invece, è agli sgoccioli di questo percorso accademico. Entrambe le categorie hanno in comune il desiderio di ricevere quel pezzo di carta tanto sudato, capace di aprire loro tante porte da un punto di vista professionale: la laurea. Ma la laurea, oltre ad essere un passaporto che ci lancia nel mondo del lavoro, è anche un momento di festa e di spensieratezza. Anche la laurea, come ogni altra festa, ha dei suoi usi e dei suoi costumi che nel corso del tempo sono rimasti e che hanno un grande significato. Stiamo parlando della corona di alloro, della toga e del tocco. Vi siete mai chiesti la loro origine?

Usi e costumi della laurea: l’origine della corona di alloro, del tocco e della toga

Sebbene si ritenga che la corona di alloro si rifaccia a Dante Alighieri, in realtà essa è ancora più antica ed affonda le sue radici nell’antica Roma.

In tale società, l’alloro era considerata una pianta sacra e simbolo di Apollo, dio della saggezza, di tutte le arti e dell’intelligenza.

Ed è proprio dalla corona di alloro che deriva la parola laurea:  laurĕa, che in latino signifca appunto corona d’alloro, indicando, quindi, gli attuali studi accademici.

Non meraviglia l’usanza di incoronare la testa del neo dottore o della neo dottoressa con tale corona.

Poi c’è il tocco, quel cappello che spesso vediamo più in film americani o in film inglesi, e che raramente viene usato in Italia.

Di questo sappiamo soltanto che all’inizio dell’assolutismo fu usato da giudici e avvocati, e soltanto in tempi più recenti fu introdotto ed usato in Italia.

Infine, arriviamo alla toga.

La toga universitaria potrebbe fare riferimento alla stessa che veniva usata dai romani che appartenevano al mondo giuridico e politico.

Arriviamo all’epoca medioevale dove la toga veniva usata non solo da giuristi e da uomini politici, ma anche dagli intellettuali, grazie alla quale era possibile distinguerli dalla massa.

Quest’ultima viene usata in Italia come il tipico  abbigliamento di professori e dei rettori, ma la ritroviamo sempre in contesti giuridici.

 

Leggi anche:

Riscatto laurea agevolato: quando conviene e quando no


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.