Lavanda: una pianta dagli innumerevoli utilizzi

La lavanda (o lavandula) è una pianta appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, dal caratteristico colore viola, principalmente diffusa in Provenza. Proprio in questo periodo, in Provenza, se ne festeggia l’utilità. I suoi impieghi sono infatti tantissimi, non inferiori a tutti i benefici che la pianta restituisce. Ecco come utilizzarla nel nostro quotidiano.

La lavanda prende questo nome dal termine latino “lavandus”, che vuol dire lavare. Questa pianta veniva infatti utilizzata dalle tribù più risalenti proprio per detergere il corpo in maniera estremamente naturale. La sua coltivazione si è spinta fino ai nostri giorni e oggi è possibile ammirare meravigliosi ed immensi campi fioriti di lavanda viola, che restituiscono un fortissimo benessere psicologico.

Lavanda: ecco i principali benefici per il corpo e per la mente

Tutti probabilmente conoscono il principale super potere della lavanda, ovverosia il forte potere calmante. La lavanda è infatti nota per ridurre lo stress e per combattere l’ansia. In questi casi viene utilizzata sotto forma di infuso, da consumare caldo o freddo secondo il proprio gusto. Il secondo effetto è poi quello olfattivo: la lavanda può essere raccolta in piccoli sacchetti ed utilizzati per la profumazione di cassettiere o armadi ad esempio.

Pochi sanno però che tali piccoli mazzetti possono essere usati anche come rimedio naturale contro gli insetti e le zanzare in particolar modo. L’odore semplicemente li allontana. La lavanda ha poi tante proprietà curative: svolge azione anti-infiammatoria, antimicotica, antidolorifica e sedativa.

Lavanda: ecco come utilizzarne il suo olio

L’olio di lavanda può essere utilizzato contro i reumatismi, contro le punture di insetto (ne diminuisce fortemente il prurito), può essere utilizzato come cicatrizzante. E’ ottimo anche in caso di candidosi e per chi soffre di alcune patologie respiratorie come l’asma. L’olio può essere preparato in casa in autonomia oppure acquistato in farmacia o erboristeria.

Allevia il mal di testa, calma i dolori mestruali e può essere utilizzato anche per i più piccoli, se spalmato a mò di massaggio per l’insonnia. In alcuni Paesi, la lavanda è consumata anche sotto forma di miele ambrato dal gradevolissimo odore, praticamente con gli stessi benefici su descritti per l’olio!

Qualche curiosità su questa pianta prodigiosa:

C’è chi narra che, i guantai di Grasse, abbiano spalmato su se stessi proprio la lavanda e che , così facendo, siano rimasti immuni dal contagio della peste. C’è anche chi sostiene che la stessa sia un prezioso amuleto porta fortuna; potrebbe quindi essere un gradevolissimo ed originale regalo per le persone più care.

C’è anche chi si spinge fino ad utilizzarla in cucina, come guarnizione per i propri piatti o come ingrediente principale per gli stessi.

Dai risotti, allo zucchero alla lavanda, ai muffin o ai macarons, la lavanda è sicuramente una pianta estremamente poliedrica!


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!