Lavoro: 45mila posti disponibili in Italia, qual è il settore dominante?

Ci sono molti posti disponibili in un particolare settore del lavoro, il quale permette anche di percepire una bella retribuzione.

Il lavoro in Italia ci sarebbe, e questo sarebbe rivolto soprattutto a chi è esperto del settore ICT (Information and Communication Technology), settore molto richiesto da parte di ogni tipologia di azienda, dato che ormai tutte utilizzano la tecnologia per le informazioni.
Nonostante sia il settore principale ad offrire il lavoro in Italia, i posti rimangono spesso vuoti a causa della scarsa competenza di chi ha questo titolo. Questo accade perché la formazione superiore e accademica non è allineata con le correnti necessità e trend nel mondo del lavoro.

45mila posti di lavoro disponibili nel settore informatico, tutte le news

Chiunque voglia lavorare per le grandi aziende, ma anche per quelle  più piccole, è bene che sappia che la materia, la disciplina più richiesta è la tecnologia assieme all’informatica.

Tali lavori, poi, sono in grado di dare bei guadagni a chi li svolge.

Almeno questo è quanto detto dalle stime di ISTAT e Unioncamere elaborate da Confindustria, sono quasi 45mila i posti di lavoro nel settore tecnologico disponibili nel triennio 2019-2021 secondo i fabbisogni delle aziende, così suddivisi:

2019 – 13.526 posti di lavoro,

2020 – 15.126 posti di lavoro,

2021 – 12.266 posti di lavoro,

per un totale di 44.878 posizioni aperte.

Il settore ICT non si ferma qui perché avrà un fabbisogno di almeno 62.359 nuovi assunti (88.358 nella visione più ottimistica) tra il 2019, il 2020 e il 2021 secondo l’Osservatorio 2018 delle Competenze Digitali condotto da Aica, Assinform, Assintel e Assinter Italia e promosso da Miur e Agid.

Le aziende italiane hanno bisogno ed offrono lavoro a determinati ruoli presenti nell’ambito ICT, che sono i seguenti:

-sviluppatori (49,1%),

-consulenti ICT (16,3%),

-analisti di sistema (7,5%),

-specialisti in digital media (6,1%),

-big data specialist,

-machine learning, cybersecurity e AI specialist.

Quanto si guadagna nel settore dell’ICT?

Come già abbiamo anticipato sopra, chi ha la possibilità di avere un lavoro in questo settore, ha anche la possibilità di vivere agiatamente grazie a delle retribuzioni molto importanti.

Ecco di seguito gli stipendi nell’ICT, in linea di massima:

-Mobile Developer: 35.000 – 45.000 euro

-IoT Developer: 35.000 – 45.000 euro;

-Penetration Tester: 35.000 – 50.000 euro;

-Blockchain Developer: 40.000 – 50.000 euro;

-Full-stack Developer: 40.000 – 50.000 euro;

-Data Scientist: 40.000 – 55.000 euro;

-Big Data Engineer: 40.000 – 55.000 euro;

-DevOps Engineer: 40.000 – 55.000 euro;

-Solution Architect: 55.000 – 75.000 euro;

-Cloud Architect: 65.000 – 70.000 euro;

-Chief Technical Officer: 80.000 -100.000 euro.

Leggi anche:

Offerte di lavoro OVS: come candidarsi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.