Lavoro gravoso: non tutti i mestieri faticosi rientrano

Non tutti i lavori pesanti rientrano nelle mansioni gravose. Fortunatamente la prossima riforma pensioni dovrebbe tenere conto anche di questo.

I lavori riconosciuti come gravosi sono stati ampliati dalla Legge di Stabilità 2018 (comma 162, legge 205/2017) che ne ha aggiunti 4 alla precedente lista di 11 mestieri ritenuti pesanti e validi per accedere al pensionamento con la quota 41 e l’Ape sociale. I lavoratori gravosi, inoltre, godono anche dello stop all’aumento dell’età pensionabile per effetto dell’adeguamento all’aspettativa di vita Istat.

Lavori gravosi

Un nostro lettore ci scrive:

Buonasera, 
Sono un serramentista, ( serramenti in PVC ed alluminio), dove negli ultimi anni si è registrato un aumento dello spessore dei vetri e di pesi dei vari serramenti.
Ora vorrei, gentilmente, chiedere se ciò non è  sufficiente a far rientrare questa categoria nei lavori cosiddetti gravosi dopo una certa età, ( 60/63 anni).
Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.

Purtroppo nei lavori ritenuti gravosi non sono stati inseriti tutti i lavori ritenuti pesanti perchè probabilmente i legislatori non, svolgendo i mestieri in questione, non capiscono alla lunga quanto possono diventare faticosi. E così, come deve essere considerato gravoso il mestiere dell’insegnante della scuola dell’infanzia (teniamo anche conto che i lavori gravosi tutelano il lavoratore ma in qualche modo vanno a tutelare anche coloro che “subiscono” il lavoro gravoso) o l’infermiere vi rientrano ma il muratore o il serramentista, come nel suo caso, no.

Fortunatamente è allo studio una riforma delle pensioni che tenga conto della pesantezza delle professioni svolte per applicare (o almeno così si è vociferato) un coefficiente di trasformazione basato proprio sulla gravosità del lavoro svolto. Altra ipotesi al vaglio è quella di pensare un età minima di pensionamento proprio in virtù  del lavoro svolto favorendo co un pensionamento più veloce tutti quei mestieri che, richiedendo fatica fisica, diventano difficili da svolgere superata una certa età.

Io sono pienamente d’accordo con lei ma purtroppo le leggi non le faccio io e dobbiamo soltanto attendere per vedere se la riforma pensioni cui si sta lavorando sarà quella che tiene veramente conto anche dell’interesse dei lavoratori.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.