Le 20 città più pericolose del mondo: ecco dove non andare mai a vivere

Quali sono le 20 città in cui si commettono il maggior numero di omicidi e che risultano, quindi, le più pericolose in cui vivere?

Nella classifica annuale delle città più pericolose del mondo a detenere il record è l’America Latina: tra le prime 50 città della lista, infatti, ben 43 sono in America Latina di cui 19 in Brasile, 8 in Messico e 7 in Venezuela.

In America Latina la violenza molto spesso è correlata alla droga, ai trafficanti di droga e alla guerra tra bande, ma anche dovuta all’instabilità politica dei Paesi e dalla povertà.

Vediamo, secondo la classifica, quali sono le 20 città più violente e pericolose del mondo dove non è consigliato vivere con il numero di omicidi e quello di residenti.

Classifica delle 20 città più pericolose del mondo

20 Salvador in Brasile con 54,71 omicidi per 100mila residenti

19 Campos dos Goytacazes in Brasile con 56,45 omicidi per 100mila residenti

18 Cumana in Venezuela con 59,31 omicidi per 100mila residenti

17 Barquisimeto in Venezuela con 59,38 omicidi per 100.000 residenti

16. Vitória da Conquista in Brasile con 60,10 omicidi per 100,000 residenti.

15. Feira de Santana in Brasile, ha avuto 60,23 omicidi per 100.000 residenti.

14. St. Louis in  Missouri, Usa con 60,37 omicidi per 100.000 residenti.

13 Città del Capo in Sudafrica con 60,77 omicidi per 100.000 residenti.

12. Aracaju in Brasile con 62,76 omicidi per 100.000 residenti.

11. Belém in Brasile con 67,41 omicidi per 100.000 residenti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.