Le Iene, la storia di Pino ricoverato da bambino in manicomio

Il programma “Le Iene”, su Italia 1, ha raccontato l’assurda storia di Giuseppe Astuto, detto Pino, ricoverato da bambino in una struttura per malati mentali

Quando la realtà supera la fantasia si possono sentire storie come quella assurda ed inspiegabile di Giuseppe Astuto, per tutti Pino, raccontata su Italia1 da “Le Iene”. Questa è l’incredibile vicenda di un uomo che, pur essendo sano, è stato ricoverato nel 1967, ad appena nove anni, in una struttura per malati mentali gravi. E il motivo? Una marachella. Pino, ultimo di sei figli e orfano di padre viveva in una condizione di anaffettività ed indigenza assoluta. Un giorno ha rubato un pagnotta di pane e gli assistenti sociali lo hanno tolto alla madre che non si è  opposta e l’hanno rinchiuso in una struttura di Girifalco,  in provincia di Catanzaro, restandoci fino al 1999.

La storia di Pino ieri e oggi

Giuseppe Astuto è stato trattato come un detenuto privato di ogni affetto, senza poter andare a scuola e senza qualcuno con cui poter parlare.  È stato trattato, inoltre, come un malato mentale legato al letto e curato con farmaci di cui, ovviamente, non aveva bisogno. Adesso Pino di anni ne ha 61 anni, ha una moglie con la quale vive sempre a Girifalco, con 270 euro di pensione. L’uomo si è rivolto ad un avvocato per ricevere un risarcimento e, grazie a “Le Iene”, dopo anni, potrà imparare a leggere e scrivere, e coronare così uno dei suoi sogni.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp