Le linee di Nazca: uno dei misteri irrisolti della storia

Line di Nazca, curiosità e domande su uno dei misteri irrisolti della storia.

Chi non ha  mai sentito parlare delle linee di Nazca, le linee visibili dall’alto nell’altopiano di Nazca in Perù? Le origini di queste “opere” restano uno dei misteri irrisolti della storia. Le linee di Nazca rappresentano figure geometriche, animali, simboli, il tutto di dimensioni enormi ( un ragno, ad esempio, è lungo 45 metri).

Le linee visibili sull’altopiano sono 13mila e formano 800 figure diverse. Chi le ha incise nel terreno e perchè? Quale era lo scopo di queste linee e chi erano i Nazca? Le teorie che si sono susseguite nel tempo sono molte ma nessuna, fino ad ora, ha trovato fondamenta storiche.

Chi erano i Nazca?

La civiltà dei Nazca si sviluppò nel I secolo d.C. sulle sponde del fiume Aja in Perù, ma tale civiltà ebbe un’esistenza molto breve e infatti decadde nel VI  secolo d.C.

Per quel che si sa i Nazca era lavoratori della ceramica policroma e in base ai disegni di uomini mutilati che disegnavavamo sulle opere di ceramica si è portati a pensare che compissero sacrifici umani. Ma tale civiltà è nota soprattutto per le misteriose linee Nazca.

Linee Nazca cosa sono?

Si tratta di enormi geroglifici tracciati tra il 300 a.C e il 500 d.C. Le figure sono realizzate da una sola riga che non si incrocia mai con se stessa. La tecnica usata è quella di spazzare via il colore rossastro e i ciottoli che compongono la superficie del desert lasciando emergere la sabbia sottostante bianca.  I solchi non superano mai i 30 cm di profondità.  Il clima arido, asciutto e senza vento ha conservato perfettamento le misteriose linee con il passare del tempo.

Le ipotesi sulla utilità delle linee sono diversi: alcuni pensano che servissero come canali di irrigazione, altri che delimitassero centri di culto, altri ancora che potessero avere un significato astronomico.

Il mistero della realizzazione

Le  linee di Nazca sono perfette con rette chilometriche che hanno angoli di deviazione piccolissimo, i disegni hanno proporzioni buone in base alle loro dimensioni e quello che ci si chiede è come è stata possibile la loro realizzazione se l’autore (o gli autori) non potevano guardare l’interezza della figura. Le linee potevano essere osservate anche dalle colline e dalle montagne, da cui gli autori potevano osservare il proprio lavoro in prospettiva.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.