Le misteriose sparizioni avvenute nel triangolo di Bennington

Le misteriose sparizioni avvenute nel triangolo di Bennington continuano ancora oggi a rimanere senza alcuna risposta, ecco i casi più famosi

Tutti i fan del paranormale conoscono il Triangolo delle Bermuda. Tuttavia, un “cugino” meno noto ha guadagnato notorietà dopo essere stato teatro di strane sparizioni. Ci riferiamo al triangolo di Bennington, nello stato americano del Vermont. Questa è una zona poco visitata che comprende la città fantasma di Glastenbury nel sud-ovest del Vermont. Abbandonata alla fine del XIX secolo a causa della fine del disboscamento, l’area di Glastenbury è ora in gran parte incontaminata ed è considerata abbastanza remota.

Tuttavia, ciò che colpisce di più è che, a causa di una serie di persone scomparse circa 70 anni fa, la città ora abbandonata è stata vista come un luogo misterioso di numerose sparizioni inspiegabili, omicidi irrisolti e avvistamenti bizzarri che continuano a suscitare la curiosità di molte persone fino ad oggi. Nel 1945 è iniziato un ciclo quinquennale di casi misteriosi nel triangolo di Bennington con la scomparsa di Middie Rivers, una guida di caccia locale di 74 anni.

Rivers condusse un gruppo di quattro cacciatori in un’area chiamata Hell Hollow prima di scomparire improvvisamente. Dopo una prima ricerca infruttuosa, molti credettero che questo esperto boscaiolo sarebbe stato in grado di sopravvivere e che presto avrebbe fatto ritorno in città. Tuttavia ciò non avvenne.

Presto più di 300 persone, tra cui gente del posto e soldati dell’esercito americano, sono venuti sul posto per indagare sul caso per otto giorni, ma non hanno trovato un singolo elemento di prova che potesse indicare dove si trovasse Rivers. L’anno seguente, un altro caso di scomparsa ha colpito questa zona. In questo caso, la persona scomparsa aveva il nome di Paula Welden, una studentessa di 18 anni che decise di percorrere il sentiero durante le vacanze del Ringraziamento.

Vista l’ultima volta domenica 1 dicembre 1946, Welden indossava un vestito rosso. Un team di ricerca di oltre 1.000 persone si è messo alla ricerca della ragazza sul sito e un premio di $ 5.000 è stato offerto dalla polizia. Ma nonostante tutti questi sforzi non è stato scoperto alcun indizio sul suo destino. Tuttavia, molte persone, incluso il padre di Paula Welden, hanno criticato la mancanza di metodi sofisticati da parte delle autorità per affrontare il caso.

Esattamente tre anni dopo la scomparsa di Paula Weldon, il triangolo di Bennington vide una delle sue scomparse più misteriose. In quell’occasione, un uomo di 68 anni di nome James E. Tedford salì a bordo di un autobus per Bennington dopo aver visitato parenti a St. Albans. Numerosi testimoni oculari, incluso l’autista, hanno successivamente confermato che Tedford era seduto fino all’ultima fermata prima di Bennington. Tuttavia, quando finalmente l’autobus arrivò in città, Tedford non si trovava da nessuna parte.

Dopo essere misteriosamente scomparso mentre si trovava in un veicolo in movimento, i passeggeri sconcertati notarono che i bagagli di Tedford e un opuscolo con un orario degli autobus erano rimasti intatti sul sedile. Se i testimoni avessero ragione, Tedford sarebbe scomparso dal suo posto mentre l’autobus stava viaggiando sulla Route 7, attraversando esattamente la regione del triangolo di Bennington.

Quasi un anno dopo, a metà ottobre del 1950, un ragazzo di otto anni di nome Paul Jepson scomparve. L’ultima volta fu visto giocare felicemente vicino al camion di famiglia da sua madre, che lo ha lasciato lì per prendersi cura dei maiali nel porcile dove lei e suo marito erano i custodi. Anche in quel caso il ragazzo è scomparso senza lasciare traccia.

Oltre alle centinaia di persone riunite per condurre una ricerca, uno sceriffo del New Hampshire ha portato con sé un cane da caccia per cercare di annusare le tracce del ragazzo scomparso. Inizialmente, il cane riuscì persino a captare l’odore del ragazzo, ma bruscamente perse la scia ad un incrocio vicino, il che sollevò l’ipotesi che il ragazzo avrebbe potuto essere stato rapito da qualcuno con un’auto.

Circa due settimane dopo, Frieda Langer, un alpinista di 53 anni che aveva molta esperienza e familiarità con la zona, è scomparsa nella stessa regione. Dopo aver camminato su un sentiero con suo cugino Herbert Eisner, Langer cadde in un ruscello e tornò al campo, dove suo marito stava riposando con un ginocchio ferito, per cambiarsi. Tuttavia, né suo marito né suo cugino la videro di nuovo.

Circa 400 persone, compresi i membri della Guardia Nazionale del Massachusetts, scrutarono meticolosamente le aree circostanti, ma non trovarono nulla. Tuttavia, sei mesi dopo la sua scomparsa, il cadavere di Langer fu trovato vicino al bacino idrico del Somerset, un’area aperta che, stranamente, era stata perquisita più volte nei mesi precedenti.

Ti potrebbe interessare: Scoperto il programma segreto UFO del Pentagono per sondare i “misteri paranormali”

Con la scoperta, questo divenne l’unico caso della scomparsa del triangolo di Bennington in cui fu trovato un corpo. Il problema è che, nonostante la scoperta del corpo, il caso non fu mai risolto ed in particolare nessuno fu in grado di individuare alcuna causa di morte, il che ha alimentato ulteriormente le speculazioni su quale tipo di fine inquietante avrebbe potuto fare Frieda Langer.

Gli eventi inspiegabili associati al triangolo di Bennington hanno indotto molti a speculare sulla possibilità che forze paranormali potessero essere dietro gli eventi, una tesi che è stata rafforzata da presunti avvistamenti UFO e persino da avvistamenti di strane creature nella regione. Altri credono che il gran numero di persone scomparse tra il 1945 e il 1950 potrebbe essere stato il lavoro di un serial killer, ma la mancanza di prove a sostegno di questo, così come la varietà di età e sesso delle vittime ha finito per minare la credibilità di questa teoria. Rimane dunque forte il mistero.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp