Le pagelle del festival di Sanremo: le gag ed il NO contro gli abusi e le molestie sessuali sulle donne

Il festival di Sanremo non è fatto solo da canzoni, ma anche da altri elementi come gag spassose e importanti iniziative che non sempre, nella storia del festival, hanno accompagnato la kermesse canora.

Questo è stato un festival di Sanremo ricco di gag che non hanno mai stancato, ed è stato anche un Sanremo molto più vicino a quanto è successo nelle vicende scorse. Andiamo ad esaminare, dunque, queste ultime categorie che chiudono il festival di Sanremo di quest’anno, ormai giunto alla fine.

LE GAG

Alcune sono riuscite con molto successo, altre, invece, un po’ meno e arrivavano al limite del no-sense. Un esempio? Beh, i momenti di cultura di Pierfrancesco Favino in questo festival di Sanremo. Ha fatto molto parlare di sé soprattutto la gag di Despacito, in cui abbiamo visto un abile Favino nell’arte del ballo. Un’altra ancora? Il grande Nino Frassica che irrompe al festival di Sanremo per la finta morte di Memmo Remigi. Troppo comico, infatti, è stato l’interrogatorio del maresciallo Cecchini con il padrone di casa Baglioni e i due conduttori. Quella che proprio non si è capita in questo festival di Sanremo è la gag della prima puntata in cui canta Michelle Hunziker. Diciamo che il no-sense è arrivato quando Baglioni e Favino all’improvviso, mentre la Hunziker canta, tolgono al piede di questa il tacco e al suo posto, fanno calzare alla presentatrice uno stivaletto. Chiediamo aiuto a chi l’ha capita veramente. Le gag di cui potevamo fare a meno erano quelle con le varie giornaliste che si sono susseguite nelle varie serate, Franca Leosini, Emma D’Aquino e Federica Sciarelli. Diciamo che, sebbene non siano state riuscitissime, è stato molto bello vedere come il festival di Sanremo abbia dato spazio ad altre celebrità di altre categorie, come il giornalismo.

IL FESTIVAL DI SANREMO CONTRO LE MOLESTI E GLI ABUSI SULLE DONNE

Un tema che si sta facendo molto sentire è quello delle violenze sessuali, psicologiche e non solo, nei confronti delle donne. Questo, però, da come è emerso negli ultimi tempi, non colpisce solo le donne al di fuori dello star system, ma anche quelle di cui ne fanno parte, come attrici, cantanti ed altre ancora. L’allarme, come sappiamo, è scattato con il caso del produttore Weinstein. Ma da allora non si è più fermato e sono state scoperte altre vittime. Senza limiti di spazio e tempo, tale denuncia è arrivata anche al festival di Sanremo di quest’anno. Infatti, più o meno tutti gli interpreti, ospiti, conduttori e staff, indossavano un fiorellino bianco o giallo come segno di questa denuncia. Michelle Hunziker, come sappiamo, è in prima linea in questa battaglia assieme all’avvocato Giulia Bongiorno. Inoltre, la splendida Nina Zilli, molto toccata dalla tematica, al festival di Sanremo 2018, ha deciso di presentare una canzone che trattasse di quanto sta accadendo. Finalmente anche il mondo dello spettacolo non nasconde più le crepe che porta.

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.