Legge 104 e assegno mensile per diabete, come richiederlo?

Per chi ha il diabete è possibile fare domanda di invalidità e quindi poter usufruire dei vari benefici. Ecco, di seguito, come muoversi per fare richiesta.

Chi è affetto da diabete conduce una vita non troppo facile: si deve dare molta attenzione a quello che si mangia, bisogna fare terapie anche quando si sta bene. Insomma, è un’attenzione costante e quotidiana a come si vive. C’è però una buona notizia, almeno dal punto di vista economico, per chi è affetto da diabete. Infatti, il diabete viene riconosciuto come una malattia invalidante e per questo, chi ce l’ha, può usufruire dei vari benefici previsti dalla legge. Alcuni esempi di questi benefici sono i permessi lavorativi, le agevolazioni per i familiari che assistono la persona diabetica e la ricezione dell’assegno mensile di invalidità. Scopriamo come fare per richiederli.

Chi è veramente invalido?

Viene ritenuto invalido e quindi possidente dei benefici della Legge 104/1992 chi presenta un’invalidità superiore al 41%. Tale concessione avviene, dietro richiesta, solo dopo accertamento dell’effettivo stato di invalidità e a completa discrezione della Commissione Medica esaminante. Ovviamente ci sono diversi tipi di benefici in base alle varie forme di diabete. Sarà sempre però la Commissione Medica a stabilire, caso per caso, se concedere la pensione e in che misura.

Codice:9309

Fascia:Diabete mellito tipo 1° o 2° con complicanze micro-macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado (Classe III)

Min e Max:                          41%                              50%

Codice:9310

Fascia:Diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia (Classe III)

Min e Max:         51%                             60%

Codice:9311

Fascia:Diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva (Classe IV)

Min e Max :                   91%                          100%

 

La domanda di invalidità per chi ha il diabete

Per prima cosa, bisogna rivolgersi al proprio medico curante e farsi rilasciare il certificato che attesta il diabete e poi inviarlo per via telematica all’INPS di competenza. Dopo che l’INPS ha ricevuto il certificato, si può procedere con l’invio telematico della domanda per l’invalidità, che comprende lo stesso certificato e delle informazioni richieste. L’invio può essere fatto direttamente dall’interessato, dal suo rappresentante legale o da CAAF e patronati. La domanda entra nel sistema dell’INPS, che convoca in seguito il richiedente per una visita medica che confermi o meno la sua situazione. In seguito, viene inviato un verbale che concede o meno il riconoscimento dell’invalidità.Il richiedente può anche contestare l’esito del verbale e fare ricorso entro 6 mesi dalla notifica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook – Twitter – Gnews – Telegram – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su WhatsApp al nuovo numero 3516559380 - inserisci questo numero in rubrica e inviaci il seguente messaggio tramite WhatsApp: "notizie", ti risponderemo il prima possibile.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.