Legge 104: esonero turni di lavoro domenica e giorni rossi da calendario?

Legge 104 e turni di lavoro, è possibile l’esonero se si assiste un familiare con handicap grave? Ecco cosa prevede la normativa.

Legge 104 e turni di lavoro, è possibile essere esonerato per i giorni rossi di calendario? La normativa tutela il lavoratore disabile con varie agevolazioni sia in campo fiscale sia in campo lavorativo. Esaminiamo se prevede la possibilità del lavoratore che assiste un familiare con disabilità, l’esonero dei giorni festivi, rispondendo ad un lettore che ci pone in esame il suo caso. 

Legge 104: esonero dei turni di lavoro

Un lettore ci scrive: “Buongiorno, assisto persona disabile. Lavoro su turni per un totale di 40 ore settimanali dal lunedì alla domenica. Potrei chiedere l’esonero al lavoro la domenica e i giorni rossi? Eventualmente godendo della legge 104? Grazie mille”.

La legge 104 tutela il lavoratore che assiste un familiare con handicap grave e permette delle agevolazioni nel campo lavorativo. In riferimento ai turni di lavoro, il lavoratore che assiste un familiare con handicap, non è tenuto a prestare turni di lavoro notturno con un orario che va dalle 24:00 alle ore 6:00. Inoltre, il lavoratore ha la facoltà di scegliere, dove c’è il posto vacante, la sede più vicino al proprio domicilio; il lavoratore può opporsi al trasferimento.

Al lavoratore che assiste il familiare con handicap grave sono riconosciuti su domanda, tre giorni di permessi legge 104 al mese, retribuiti e coperti da contribuzione figurativa (anche frazionati).

La normativa, non consente la possibilità di scegliere i turni di lavoro, ad esempio mattina o pomeriggio, o non lavorare il sabato e la domenica, se lo prevede il contratto di categoria. È però possibile chiedere la trasformazione del proprio contratto da full time in part time. 

Quindi, in risposta alla sua domanda, non è possibile l’esonero dei turni di lavoro che capitano di domenica o l’esonero dei giorni festivi da calendario.

Assistere un familiare con disabilità è molto faticoso e la normativa ha rivalutato la figura del “Caregiver” anche attraverso alcune misure di pensionamento anticipato: Ape Sociale e Quota 41. La strada da percorrere per questa figura è ancora lunga.   


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”