Legge di Bilancio 2019: il riscatto della laurea sarà più economico?

Il nuovo emendamento nella Legge di Bilancio riguarda il riscatto della laurea ai fini della pensione affinché sia più facile ed economico. Riscatto laurea 2019 Le nuove norme approvate in Commissione di Bilancio non riguardano direttamente il riscatto della laurea, ma potrebbero essere ugualmente utili ai fini della manovra. L’emendamento, infatti, entrerà a far parte […]

Il nuovo emendamento nella Legge di Bilancio riguarda il riscatto della laurea ai fini della pensione affinché sia più facile ed economico.

Riscatto laurea 2019

Le nuove norme approvate in Commissione di Bilancio non riguardano direttamente il riscatto della laurea, ma potrebbero essere ugualmente utili ai fini della manovra. L’emendamento, infatti, entrerà a far parte della legge sulla tanto discussa riforma Quota 100.

Al Governo si sta discutendo molto della riforma sulle pensioni in vista della Legge di Bilancio 2019. Gli esiti, infatti, dovrebbero essere presentati tra il 23 e il 31 dicembre. Nel frattempo, il Governo Lega-5 stelle parla anche del riscatto della laurea, affinché le manovre pensionistiche possano rendere il riscatto più semplice ed economico.

Legge di Bilancio 2019: il riscatto della laurea sarà più economico?Come funziona il riscatto?

Secondo quanto previsto dall’emendamento, gli anni di studio universitario che hanno portato al conseguimento della laurea potranno essere riscattati ai fini della pensione. Eppure, il riscatto della laurea è già legge, ma in pochi optano per esso dati gli elevati costi che comporta. Soltanto per i nati dopo il 1980 con un reddito annuo inferiore ai 15.000 il riscatto del primo anno di studi è gratuito.

Inoltre, non tutti i titoli di studio sono riscattabili. Rientrano tra i titoli di studio che possono essere riscattati:

  • i diplomi universitari, i diplomi di laurea, di specializzazione, di specializzazione post-laurea;
  • laurea triennale e magistrale;
  • dottorati di ricerca;
  • titoli AFAM (diploma accademico di secondo livello, diploma di specializzazione, diploma accademico di formazione alla ricerca);

Valgono anche i titoli conseguiti all’estero se equiparati. Per ottenere il riscatto bisogna aver versato almeno un contributo obbligatorio nell’ordinamento pensionistico in cui esso viene richiesto. In attesa di maggiori novità al riguardo, l’Inps ha messo a disposizione sul proprio sito un servizio di simulazione dei costi di riscatto, il cui calcolo è molto complicato.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 20 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.