L’epidemia di polmonite misteriosa in Kazakistan potrebbe essere coronavirus

Uno scoppio inspiegabile di polmonite in Kazakistan è probabilmente dovuto al nuovo coronavirus COVID-19

Uno scoppio inspiegabile di polmonite in Kazakistan è probabilmente dovuto al nuovo coronavirus COVID-19, ha detto venerdì scorso un alto funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Il direttore esecutivo del Programma per le emergenze sanitarie dell’OMS, Michael Ryan, ha dichiarato in un briefing online di Ginevra che egli ritiene che i casi “semplicemente non sono stati diagnosticati correttamente”. La traiettoria ascendente di COVID-19 nel paese sosterrebbe questo, Ryan ha aggiunto.

Giovedì, l’ambasciata cinese in Kazakistan ha avvertito i suoi cittadini di un ceppo mortale non identificato di polmonite, dopo un “significativo” aumento dei casi a giugno. Inizialmente, la dichiarazione rilasciata attraverso il suo canale WeChat sui social media si riferiva alla “polmonite del Kazakistan”, prima di cambiare la formulazione in “polmonite COVID-19”.

Il Kazakistan ha respinto le affermazioni come “notizie false”. Il paese dell’Asia centrale ha registrato oltre 56.000 casi con 264 morti. Il suo governo ha imposto un secondo blocco questa settimana per cercare di impedire la diffusione del virus. Ryan ha dichiarato che l’OMS sta lavorando con le autorità del paese per rivedere ai raggi X e individuare i casi di polmonite per vedere se erano coerenti con COVID-19.

L’organismo sanitario sta esaminando i test effettivi e la qualità dei test per garantire che non ci siano stati test falsi negativi, ha aggiunto. L’epidemia di polmonite in Kazakistan aveva causato 1.772 morti nella prima metà del 2020 e “628 nel solo giugno”, secondo l’ambasciata cinese.L’agenzia di stampa statale Kazinform ha riportato un picco nei casi di polmonite a giugno, con un numero di casi più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2019.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: Regioni preoccupate, torna l’obbligo delle mascherine anche all’aperto


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp