Licenziamenti: stop al divieto da domenica, chiarimenti sul versamento dei contributi

Licenziamenti: i datori di lavoro possono licenziare da domenica, ecco cosa sta succedendo e perchè il decreto Rilancio non ha effetto.

Da domenica è venuto meno il divieto di licenziamento introdotto dal decreto legge Cura Italia, con una validità di sessanta giorni. Inizialmente, il nuovo decreto legge Rilancio doveva contenere un prolungamento senza interruzione del divieto di licenziamento. Questo non è successo perché il decreto cosiddetto di aprile, trasformato poi in decreto Rilancio, non è stato pubblicato in tempo e quindi il divieto è terminato domenica, lasciando in essere un malcontento generale e la possibilità all’azienda in crisi di procedere alle azioni collettive per i licenziamenti. La mancata pubblicazione del decreto Rilancio in Gazzetta Ufficiale con la proroga continuativa dal 17 marzo l 17 agosto, ha fatto venire meno il divieto precedente, quindi, in teoria, lo stop del divieto di licenziamento è in vigore da domenica.

Licenziamenti e stop al divieto: cosa succederà adesso?

Una lettrice ci scrive:

Buongiorno, volevo sapere per cortesia con il nuovo DL fino a quando sono bloccati i licenziamenti, lavoro nel commercio secondo quanto annunciato  a dicembre avrei dovuto ultimare le ferie al 24/04, ma grazie alla cassa integrazione a zero ore ho usufruito delle prime 9 settimane dal 19/03 . La ditta mi ha detto qualche giorni fa che avrebbero prorogato sicuramente la cassa io avevo letto alcune settimane entro agosto altre da settembre a ottobre, ma con me cosa faranno una volta finita cassa e ferie i licenziamenti bloccati fino a quando? Licenziano me, tengono una mia sostituta sostenendo che il posto non esiste più  avendo dato contabilità fuori. Possono eventualmente visto che mi danneggiano versarmi i contributi per mandarmi in pensione anticipata ho 35 anni di contributi maturati nel 2019 e compio 58 anni a giugno. Grazie L. 

Carissima L., 

la tua domanda è confusa, in teoria il decreto Rilancio, non pubblicato in tempo in Gazzetta Ufficiale, ha reso possibile ai datori di lavoro di poter licenziare da domenica. Per chiarimenti su come verrà considerato il blocco dei licenziamenti bisogna attendere gli sviluppi normativi. 

In riferimento alla cassa integrazione, il decreto Rilancio prevede una proroga di 5 settimane più quattro. Questo significa che le prime cinque settimane potranno essere fruite collocandosi subito dopo le prime, per le successive quattro invece, bisognerà inoltrare una nuova domanda con requisiti specifici. 

Sull’organizzazione della società non posso aiutarla, ma se la licenziano, lei ha diritto all’indennità di disoccupazione Naspi per due anni e avendo già maturato 35 anni di contributi e con un’età anagrafica di 58 anni, può accedere alla pensione donna “opzione donna” nel 2021. La proroga di questa misura, dalle ultime indiscrezioni, verrà riconfermata con la modifica del fattore temporale permettendo l’accesso anche alle lavoratrici dipendenti nate nel 1962.

La proroga sarà inserita nella nuova riforma pensioni

Ultimi aggiornamenti oggi 20 maggio 2020

Il decreto Rilancio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e ritorna il divieto di licenziamento.

Il blocco al licenziamento è valido fino al 17 agosto 2020;  i datori di lavoro non possono intimare licenziamenti individuali e collettivi e sono sospese tutte le procedure avviate dal 23 febbraio. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”