Licenziamento prima della fine del periodo di comporto, è possibile?

Si può essere licenziati se non si supera il periodo di comporto? A rispondere è la Corte di Cassazione con una recente sentenza.

Licenziamento prima della finde del periodo di comporto, si è espessa in merito una recente  sentenza n. 12568/2018 della Corte di Cassazione, Sezioni Unite, che ha affermato che è nullo il licenziamento del dipendente intimato in costanza di malattia, prima della fine del periodo di comporto.

Nel caso specifico il datore di lavoro era receduto dal rapporto di lavoro non appena ricevuto un certificato di malattia recante una prognosi tale da determinare il superamento del periodo massimo di conservazione del posto, senza attendere il suo compiuto esaurimento.

Il perido di comporto in cosa consiste

Un lavoratore, quando si assenta per malattia o infortunio, esiste un periodo chiamato comporto, entro il quale il datore di lavoro ha il divieto di licenziare il lavoratore.

In questi casi il lavoratore è garantito il mantenimento del posto di lavoro e l’identica retribuzione economica.

Il periodo non è uguale per tutti, varia a seconda dell’anzianità  di servizio e si distingue in “secco” e “per sommatoria”.

Comporto secco: si intende il periodo di assenza relativo ad una specifica malattia;

Comporto per sommatoria: si intende la somma di tutte le assenze che si sono verificate in un arco temporale definito all’interno del contratto collettivo. 

In alcuni contratti collettivi può non essere indicato il comporto per sommatoria. In questo caso, sarà il giudice a stabilre se il licenziamento è legittimo, derterminato in base all’arco temporale di riferimento per il conteggio delle assenze, considerando anche i giorni non lavorativi.

Se si supera il periodo di comporto, cosa succede?

Nel caso in cui avvenga il superamento del periodo di comporto, il datore di lavoro non può procedere al licenziamento se:

  • ha concesso l’aspettativa non retribuita;
  • la malattia è professionale, strettamente collegata all’attività  svolta.

Licenziamenti: aumento del contributo dovuto dai datori di lavoro

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”