Lidl, Aldi e Tesco: richiamati yogurt prodotti da Muller, presenza di frammenti di metallo

Lidl, Aldi e Tesco, frammenti di metallo negli yogurt Muller.

Lidl, Aldi e Tesco hanno pubblicato un avviso ai consumatori sul loro sito ufficiale di una possibile presenza di piccoli frammenti di metallo negli yogurt prodotti da Muller. Il richiamo per ora è stato fatto nei paesi dell’Europa Nord-occidentale.

Lidl, Aldi e Tesco richiamano gli yogurt Muller

La problematica è limitata ad alcune referenze prodotte e distribuite nel Regno Unito e in Irlanda.
La società inglesi hanno avviato la procedura per un richiamo pubblico a scopo precauzionale, come si evince anche dall’avviso pubblicato sul loro sito internet e hanno sotto controllo il problema.
Müller Italia assicura che non esiste alcun collegamento tra l’episodio nel Regno Unito e i prodotti distribuiti sul mercato italiano, continuando a garantirne l’altissima qualità

La presenza dei corpi estranei è dovuta alla scoperta di un guasto che è avvenuto ad un macchinario che lavora alla preparazione degli yogurt, e precisamente al nastro che supporta le cinghie che vengono usate per trasportare la frutta nella fabbrica. Il rullo preposto a questo tipo di lavoro si è disallineato causando una probabile caduta di alcuni piccoli pezzi di metallo accidentalmente nella frutta.

L’allerta è in gran parte in Europa, e per questo Muller sta richiamando, a scopo precauzionale per i consumatori, alcuni lotti dei seguenti prodotti:

  • Muller Fruit Corner e Mullerlight
  • Muller Bliss Mascarpone
  • Muller Race

Anche se Muller per ora dichiara di non aver trovato nessun metallo negli yogurt controllati, raccomanda attenzione a tutti i consumatori e per adesso di evitare di consumare i prodotti sopra citati.

Bisogna fare molta attenzione, i rischi per la salute ingerendo un pezzo di metallo potrebbero rivelarsi gravi, si potrebbero verificare delle piccole lesioni.

Per tutti i consumatori che riscontrano di avere il prodotto in casa, lo possono riportare dove lo hanno acquistato e chiederne il cambio con un altro prodotto. Possono richiedere anche il rimborso dell’importo pagato anche se non hanno più lo scontrino che ne attesta l’acquisto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp