Lucchetto, rotaie e lenti di ingrandimento, chi li ha inventati?

I romani sono stati grandi non solo nell’espansione del loro impero o per la cultura che ci hanno lasciato, ma anche in campo tecnologico dove hanno creato degli oggetti moderni con cui abbiamo a che fare ogni giorno, ma di cui non sappiamo l’origine.

Che siano stati un grande popolo, questo nessuno lo mette in dubbio, ma che i romani abbiano dato le basi per le moderne tecnologie, questo lo si sapeva di meno. “Caput mundi” non solo perché furono dei grandi combattenti e perché conquistarono davvero quasi tutto il mondo, ma anche perché furono geniali. Grandi nell’arte, nella letteratura, nell’urbanistica e nel diritto, i romani avevano quella marcia in più ed erano moderni più di quanto si possa credere. Tantissime sono le creazioni tecnologiche di questo popolo, ma scopriamo quelle più vicine a noi.

Le rotaie

Praticamente ci sono da prima che noi nascessimo. Sono una creazione che non può essere manco definita tale nell’immaginario collettivo. Ma, udite udite, sono stati i romani a creare le rotaie, si quelle del treno. L’unica differenza con le rotaie del nostro tempo è che quelle romane erano interne, mentre quelle attuali sono esterne. Realizzate apposta per la ruota dei vari carri che vi passavano, che dovevano avere una grandezza standard.

Il rubinetto

Di origine romana è anche il rubinetto, anche se inizialmente era chiamato miscelatore. Nulla di diverso da quello odierno, composto anch’esso da due valvole idrauliche dove usciva l’acqua calda nell’una, e quella fredda nell’altra. Alcuni rubinetti sono stati trovati a Pompei, assieme ad altri mezzi, come le pompe idrauliche per navi, pozzi e vigili del fuoco.

Lucchetto a chiave

Chi si ricorda dei lucchetti di ponte Milvio che l’hanno addobbato durante il successo di “Ho voglia di te” di Federico Moccia? Cari innamorati il lucchetto che avete attaccato e la chiave che avete gettato sono tutte creazioni dei romani. Ovviamente, oggi i lucchetti sono molto più piccoli rispetto ai loro antenati.

La lente di ingrandimento

Un cristallo di rocca incolore di forma ovale, con faccia piana e levigata, mentre l’altra faccia era convessa in modo da creare l’ingrandimento. Una particolare lente di ingrandimento è stata ritrovata a Pompei.

Vetrate e serra portatile

I romani, come si sa, ci tenevano molto alla loro casa e all’estetica di essa. Un’altra grande invenzione è stata la creazione della vetrata, di cui una è possibile vedere ad Ercolano, presso la casa dell’Atrio, lunga la vetrata. Sempre ad Ercolano, è stata ritrovata una serra portatile, dove i romani amavano coltivare le piante e i frutti non di stagione.

leggi anche: Hikikomori, un disagio sociale, dal Giappone all’Italia


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.