L’UE nutre preoccupazioni sulla fusione tra FCA e PSA

L’UE preoccupata per FCA e la forte quota di mercato che deriverebbe dalla fusione con il Gruppo PSA nel segmento dei piccoli furgoni

I regolatori antitrust dell’UE sono preoccupati per FCA e la forte quota di mercato che deriverebbe dalla fusione con il Gruppo PSA nel segmento dei piccoli furgoni e potrebbero richiedere condizioni per liquidare la loro fusione di $ 50 miliardi , hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Le aziende, che stanno cercando di creare la quarta casa automobilistica più grande del mondo, sono state informate delle preoccupazioni della Commissione europea la scorsa settimana. Se FCA e PSA non riusciranno a dissipare i dubbi della Commissione europea nei prossimi due giorni e successivamente rifiuteranno di offrire concessioni entro mercoledì, termine per farlo, l’accordo dovrebbe affrontare un’indagine di quattro mesi.

L’UE preoccupata per FCA e la forte quota di mercato che deriverebbe dalla fusione con il Gruppo PSA nel segmento dei piccoli furgoni

Il garante della concorrenza dell’UE, che ha fissato una scadenza del 17 giugno per la sua revisione preliminare, ha rifiutato di commentare. FCA non era immediatamente disponibile per un commento mentre PSA non aveva commenti immediati. Dare il via alle imprese sovrapposte, di solito una richiesta normativa per garantire una maggiore concorrenza, potrebbe rivelarsi difficile per le case automobilistiche a causa dei tecnicismi.

FCA e PSA stanno cercando di unirsi per aiutare a compensare il rallentamento della domanda e sostenere i costi di produzione di veicoli più puliti per soddisfare le normative sulle emissioni più severe. L’accordo mette sotto lo stesso tetto i marchi delle case automobilistiche italiane come Fiat, Jeep, Dodge, Ram, Maserati e la società francese Peugeot, Citroen, Opel e DS.

Ti potrebbe interessare: FCA: John Elkann afferma che i piani di fusione con PSA stanno procedendo come previsto


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp