Mangi salumi e insaccati tutti i giorni? Ecco cosa devi sapere

Andiamo a vedere cosa può succedere a chi mangia salumi e insaccati tutti i giorni.

Se mangi salumi e insaccati tutti i giorni, parliamo delle carni processate come wurstel, salsicce e salumi, i rischi sono molto alti, a giudizio degli esperti nel consumare carni rosse e affettati e che subiscono delle lunghe lavorazioni come affumicatura, stagionatura, salatura con aggiunta di conservanti, sono molto pericolose tanto da danneggiare l’organismo facendo aumentare il rischio tumori nei tratti dell’intestino, nello stomaco e al colon-retto.

Andiamo a vedere quali sono i limiti da mangiare di salumi, carni e insaccati per non correre rischi tumori

Per non rischiare faremmo bene a mangiarne quanto meno possibile, secondo gli studi fatti 50 grammi al giorno è la razione giusta, se si consuma quantitativi di carne lavorate oltre questi numeri aumenta notevolmente il rischio di sviluppare un cancro.

Sul fatto che la carne rossa ci possa creare grossi problemi alla salute, ci sono da parte degli esperti vari punti di vista: c’è chi afferma che con il consumo delle carni lavorate vengano danneggiate le cellule che vanno a rivestire la parte dell’intestino; c’è chi invece afferma che che i nitrati e i nitriti che mantengono il colore rosso della carne, vanno a generare dei composti cancerogeni; altri ancora che l’effetto cancerogeno sia colpa del ferro che si trova nella carne o dei batteri che vanno nell’intestino.

Incide la cottura nell’ambito della pericolosità della carne?

Di preciso non c’è nulla, per ora quello che viene detto è che il contatto diretto della carne o con le superfici roventi, possono generare dei composti chiamati idrocarburi policiclici aromatici e per questo contribuire ad un rischio cancerogeno.

Cerchiamo di essere più chiari in quello che abbiamo detto. Una porzione di salumi o di carne rossa di tanto in tanto non è da condannare, mangiare un panino con 50 grammi di salumi all’interno è in piena norma, il problema è non esagerare. Se un soggetto mangia una fetta di carne da 200 grammi è logico che per 3-4 giorni non dovrebbe consumare carne o salumi.

Da dire anche che la carne rossa ha comunque un valore nutrizionale che serve al nostro organismo, contiene zinco, ferro e vitamina B12.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube