Marito vende rene della moglie per ripagarsi della “dote mancata”

Il marito si vende il rene della moglie per ripagarsi della dote mai pagata dai suoi genitori al momento del matrimonio.

Proviamo a dimenticare per un attimo il matrimonio per amore e cerchiamo di immedesimarci nei matrimoni in cui l’uomo sposa una donna in cambio di una dote, come accade, ancora, in India.

La triste storia di Rita

Per sposare Biswajit, piccolo commerciante di tessuti, Rita e la sua famiglia avevano dovuto promettere una dote pari a 25mila euro. Per i 12 anni che la donna è stata legata in un triste matrimonio con Biswajit si è sentita rinfacciare che i genitori non avevano mai pagato la dote promessa. Le spose indiane devono la dote alla famiglia del marito per tradizione, nonostante la legge lo vieti da oltre 60 anni.

Il mancato pagamento della dote era diventato un incubo per Rta e motivo di estenuanti liti per la coppia.

Il marito, cmq, ha trovato il modo di vendicarsi e di riappropriarsi di quanto gli era dovuto 2 anni fa, quando Rita, colpita da forti crampi allo stomaco (dovuti probabilmente alle continue tensioni in casa) si è fatta accompagnare dal marito in una clinica di Calcutta dove i medici diagnosticarono un’appendicite da operare d’urgenza.

La donna, fiduciosa,  si era sottoposta all’intervento accettando al tempo stesso le raccomandazioni del marito di non farne parola con nessuno.

A distanza di quasi 2 anni, la ormai trentenne Rita, continuando ad accusare gli stessi dolori allo stomaco si è fatta visitare in un altro ospedale dove hanno scoperto che le mancava il rene destro. Dopo aver ripetuto i controlli di rito in un’altra struttura ospedaliera Rita non ha potuto che constatare che l’organo le era stato asportato nella clinica di Calcutta, dove aveva subito l’unico intervento della sua vita.

La denuncia e l’arresto

Dopo la denuncia di Rita il marito è stato arrestato con l’accusa di compravendita di organi umani, tentato omicidio e detenzione di una donna sposata con intento criminale.

Il marito di Rita e suo fratello, complice insieme alla suocera del misfatto, hanno confessato di aver venduto il rene di Rita per una cifra pari alla dote dovuta. La clinica di Calcutta presso cui Rita ha subito l’intervento sta per essere chiusa, dopo che la giovane donna vi è stata derubata di un pezzo del suo corpo per ripagare il prezzo di un matrimonio che la donato solo infelicità.

Rita ora ammette con ammette con amarezza “Lui e la sua famiglia mi hanno torturato

per anni e quando i miei hanno detto no alle loro richieste si sono venduti il mio rene”


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.