Maturità 2019, cosa aspettarsi dalla seconda prova

Tantissime novità riguarderanno la seconda prova scritta per la Maturità 2019. Ecco di seguito le informazioni relative ad essa.

Molto discussa questa Maturità 2019 che, a causa delle tante novità che presenta, agita non solo gli studenti, ma anche gli stessi insegnanti. Parliamo della seconda prova, quella temuta da tutti gli istituti poiché si tratta della prova specifica relativa all’indirizzo intrapreso dallo studente. Ci saranno, infatti, dei possibili misti e, nello specifico, parliamo delle seguenti materie: Greco insieme a Latino, Fisica con Matematica. Ricordiamo che quest’anno saranno abiliti la tesina ed il temuto quizzone, mentre saranno introdotte delle griglie di valutazione a livello nazionale per rendere unificata la valutazione degli studenti di tutta Italia.

Maturità 2019, tante novità per la seconda prova

Andando nel concreto, per gli studenti del liceo classico, con molta probabilità, sarà prevista una seconda prova avente sia il Latino che il Greco, mentre per il Liceo scientifico si prevedono la Matematica e Fisica.
Per i “classicisti” la prova presenterà la consueta versione da svolgere, accompagnata, stavolta da un testo fatto in prosa avente delle informazioni sintetiche sull’opera. Un’ulteriore novità saranno tre quesiti che riguarderanno la comprensione e l’interpretazione del brano stesso, oltre che alla possibilità di avere alcune prove con entrambe le discipline studiate,Greco e Latino.
Per quanto riguarda il Liceo scientifico, è prevista una seconda prova avente un problema a scelta del tra due proposti ed infine la risposta a 4 quesiti tecnici su 8 che potrebbero riguardare le materie Fisica e Matematica insieme.
Invece, per gli Istituti tecnici la struttura della seconda prova scritta è costituita da una prima parte, che deve essere svolta obbligatoriamente, ed una seconda parte, con dei quesiti che potranno riguardare più discipline studiate durante il percorso di studi.
Infine, per quanto riguarda gli Istituti professionali, la seconda prova avrà una parte strutturata a livello nazionale e una seconda, invece, realizzata dalla singola Commissione.

Maturità 2019, la prova orale

Parliamo poi dell’ultima prova, quella orale, temuta quanto quelle scritte. Quest’anno è stata esclusa la famosa tesina, a favore del colloquio inerente alle  singole discipline e competenze acquisite durante il percorso dell’alternanza scuola-lavoro. Rimangono intatte e prive di novità anche le prove orali per le lingue straniere.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.