Maturità 2019, studente ammesso ad Ingegneria, ma bocciato alla maturità

Una situazione piuttosto strana si è verificata a Bologna dove un ragazzo è stato ammesso ad ingegneria, ma è stato bocciato alla maturità 2019.

Siamo a Bologna, per la precisione, e la situazione è questa: uno studente è stato bocciato all’esame di maturità 2019 e dovrà, quindi, rifarlo l’anno prossimo. Tutto molto normale e niente di anomalo. Ma se ci aggiungessimo il fatto che il ragazzo abbia già fatto i test di ammissione alla facoltà di ingegneria e che sia riuscito addirittura ad entrarci? Insomma, una situazione anomale, che supera il normale. Inutile dire, poi, che la famiglia ha fatto ricorso.

La notizia è sta diventando proprio un caso nazionale ed è stata riportata da “Il Resto del Carlino”. La questione è questa: un ragazzo che ha superato con successo i test di ammissione all’università, alla facoltà di ingegneria, perché è stato bocciato alla maturità?

C’è anche da dire che la classe di cui fa parte il ragazzo ha passato anch’essa una situazione piuttosto assurda dato che ci sono stati 60 a più non possono, nonostante ci fosse degli studenti con buoni voti.

Per non parlare degli scritti dove solo due studenti hanno superato con sufficienza la prova di italiano e soltanto uno la prova di matematica.

Tornando al ragazzo, il suo sembra essere un incubo vero e proprio. Tra l’altro, è emerso che il ragazzo in questione non avesse problemi a scuola, anzi, studiava e si impegnava. I suoi genitori dicono che:

“A marzo aveva sostenuto il Tolc per Ingegneria, aveva ottenuto 27. Voleva riprovarlo adesso dopo la maturità, per cercare di ottenere un punteggio più alto. Sta vivendo la bocciatura come un’ingiustizia. Dall’orale era uscito addirittura contento, studia, si impegna, è stato sempre promosso“.

Insomma, qui, chi puzza non sono i ragazzi, ma la commissione.

Il ricorso dei genitori contro la maturità 2019

I genitori dello sfortunato ragazzo non sono da soli, ma accompagnati da altri genitori che vogliono vederci chiaro.

Se poi mettiamo il fatto che anche altri ragazzi hanno sostenuto i test di ammissione ad ingegneria con tanto di successo e che un alunno si era piazzato quinto su 96 al Tolc di Ingegneria chimica e settimo su cento a Chimica industriale, la cosa puzza davvero.

La strategia di ricorso è questa: invasione di genitori presso la segreteria dell’Enrico Fermi per richiedere la visione degli atti, passaggio basilare per il ricorso.

Non solo gli studenti della Vs, ma anche quelli della Vt non sono di certo felici per l’esito dell’esame, realizzato, tra l’altro, dalla medesima commissione della Vs.

I ragazzi che sono rimasti delusi da questa maturità 2019 non sono svogliati, anzi sono studenti particolarmente talentuosi, ammessi con buoni voti e partecipanti anche alle Olimpiadi di matematica.

Infine, le parole di alcune mamme sono vere e crude e gridano giustizia:

“È una ferita profonda, inguaribile, uno sfregio a 5 anni di studio serio e costante. Vorremmo solo capire si provi ad infrangere i sogni di questi ragazzi, a svilire il loro lavoro, a violentare la loro fiducia in un mondo che credono ancora poter essere giusto“.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.